San GiovanniToday

Bruciore agli occhi: mistero a via Vetulonia, evacuato palazzo dove è nato Totti

L’intervento di vigili del fuoco e carabinieri dopo la segnalazione della presenza di una sostanza irritante da parte di una residente

L'intervento de nucleo NBCR in via Vetulonia 18

Mistero nella notte a Porta Metronia, in un palazzo al civico 18 di via Vetulonia, dove è stato necessario evacuare l’immobile dopo che una residente, rientrata a casa, ha accusato bruciore alla gola e lacrimazione agli occhi. L’allerta intorno alle 23:00 di giovedì 13 giugno nell’edificio dove è nato e cresciuto con la famiglia Francesco Totti, ex numero 10 dell'As Roma.

Allertati i soccorritori sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con il nucleo NBCR ed i carabinieri della Stazione San Giovanni e del NORM che, appena arrivati, hanno accusato gli stessi sintomi segnalati dai residenti. Sul posto a scopo precauzionale anche le ambulanze del 118. 

Per consentire le verifiche il palazzo è stato evacuato, con l'allarme rientrato intorno all’1:00 perché non è risultata la presenza di sostanze nocive, con i condomini che hanno potuto fare rientro nelle loro case. Nessuno è rimasto intossicato, ma una neonata di cinque mesi, per precauzione, è stata fatta visitare al Policlinico Umberto I. 

Da accertare cosa abbia determinato il mistero del palazzo di via Vetulonia, fra le ipotesi quella che potrebbe trattarsi di sostanze chimiche spruzzate lungo il perimetro del fabbricato, come ad esempio un anti parassitario. 

Via Vetulonia 18-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento