rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
San Giovanni San Giovanni / Via Cividale del Friuli

Appio Latino: la necropoli degli scooter a cielo aperto

I reperti d’archeologia industriale presenti nel territorio, stanno sopravanzando quelli vincolati dalla Sovrintendenza. Con una grande inconveniente: gli scooter abbandonati producono degrado

La presenza d’ importanti vestigia del passato, sta alimentando una strana moda nel quartiere. Sembra infatti che sia nata una sorta di competizione tra chi sta cercando d’ esibire più ruderi. Purtroppo non si tratta di  capitelli, colonne o archi a sesto acuto. Bensì di scooter.

LE CASISTICHE - Ce ne sono di tutti i tipi.  Alcune volte, come fossero moderni ossari, ne sopravvive solo il telaio. In altre circostanze, come in quella della moto ricoperta di muschio, il degrado è dissimulato da un improbabile ritorno alla natura.

LE SFIDE - Talvolta  gli scooter appaiono in buono stato. Ma poi si viene a sapere che sono parcheggiati nella medesima posizione, da almeno un paio d’ anni. Come nel caso segnalatoci da un commerciante di zona, in via Cividale del Friuli. Sul marciapiede, qui, un Majesty nero fa bella mostra di sé da otto stagioni. Sfidando  un altro motoveicolo parcheggiatogli di fronte, di cui sopravvivono il telaio e le ruote.

ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE - Ci  sono poi quelle situazioni che non possono passare inosservate. Come nel caso dell'Honda Bali posteggiata davanti al Cinema Maestoso, in via Appia Nuova.  Una strada su cui transitano migliaia di romani ogni giorno. Si trova lì, esanime, da tempo immemore. Come le catacombe in via Appia Antica. Dopotutto, sempre di archeologia si tratta.

Appio Latino: altri scooter abbandonati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appio Latino: la necropoli degli scooter a cielo aperto

RomaToday è in caricamento