San GiovanniToday

Mandrione: tra rifiuti e baracche la riqualificazione resta un miraggio

La presenza di baracche ma soprattutto quella di rifiuti abbandonati sotto gli archi dell'acquedotto rendono il Mandrione un luogo difficile da riqualificare. Ma il persistente degrado è anche fattore d'insicurezza stradale

La riqualificazione del Mandrione non è mai stata completata. E non soltanto per il persistere di baracche su una delle strade più belle del territorio. Ma anche e soprattutto per l’inciviltà di quanto continuano a vedere quella zona con gli occhi del passato. Depositandovi rifiuti d’ogni sorta che, in alcuni casi, creano anche un problema d’insicurezza stradale.

INSICUREZZA STRADALE - La situazione della salita del Mandrione l’avevamo già descritta. Non è mutata di molto, rispetto allo scorso dicembre. E’ stato sì fatto uno sfalcio al “giardino” sovrastante, ma poco prima dell’arco che immette su via Tuscolana, continua a restare un bandone di lamiera penzolante. E’ appeso ai rami e sovrasta l’intersezione tra due strade, proprio dove è obbligatorio dare la precedenza. Andrebbe rimosso, poiché rappresenta un fattore di pericolo costante, cui sono esposti soprattutto pedoni e motociclisti.

IL SOLITO DEGRADO - Passando dalla descrizione dei fattori d’ insicurezza stradale agli elementi di mero degrado urbano, la lista si allunga. Poco dopo Porta Furba sono stati lasciati sacchetti neri, contenenti il solito materiale di risulta di chissà quali cantieri. Una credenza è stata invece abbandonata accanto ad un cestino di metallo, di quelli che si usavano nei giardini pubblici. Tra le siepi che crescono sotto l’acquedotto Felice infine, abbiamo rinvenuto una discreta quantità di oggetti, dalle borchie delle auto ad un flash per una macchina fotografica. Insomma, resistono sacche di invincibile degrado che rendono parzialmente inutile la riqualificazione di una delle zone archeologicamente più suggestive del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento