menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La fontana spenta e le sue macerie

La fontana spenta e le sue macerie

Villa Lazzaroni, la manutenzione è sparita ed il degrado è inarrestabile: “Anche la fontana è diventata un cumulo di macerie”

Dall'area giochi chiusa alle fontane senz'acqua, i cittadini segnalano le criticità. Il Municipio scarica sul Comune: "Non possiamo intervenire"

Il prato è secco, l’area giochi è chiusa, le fontane sono spente. La strada del declino che da qualche anno villa Lazzaroni ha imboccato appare irreversibile.

La fontana rotta

“La novità è che abbiamo trovato anche la fontana rotta. Ora è un cumulo di macerie. Non funzionava più da tanto tempo, come non funziona da almeno sei anni neanche l’impianto d’irrigazione, con la conseguenza che l’erba sul prato non cresce più. C’è solo la terra” ha commentato Laura Anastasi dell'Associazione Insieme per Villa Lazzaroni. L’elenco delle criticità di cui soffre l’area verde è lungo. 

Le segnalazioni dei residenti

Segnaliamo continuamente i problemi di questo parco, a partire dall’assenza di manutenzione. Ad esempio la fontana, seppure spenta, non viene neppure pulita. E’ invasa da foglie ed ora anche di detriti. Nella sua vasca rimangono i resti della parte superiore, che si è staccata. Ma così può diventare pericoloso per i bambini che, giocando, incautamente ci entrano  - ha spiegato Anastasi - anche su questo abbiamo chiesto l’intervento del Municipio, cui ci rivolgiamo spesso”.

La riqualificazione sospesa

Dall’ente di prossimità, non arrivano però le risposte attese. “Le fontane sono state spente dopo uno degli smottamenti che hanno caratterizzato la villa, perchè bisognava effettuare delle verifiche - ha spiegato la presidente Monica Lozzi - su Villa Lazzaroni fino al 2018 erano previsto un progetto di riqualificazione che era supportato anche da un finanziamento di 250mila euro, già messo a bilancio. L’anno successivo i fondi sono stati ritirati perchè, secondo la protezione civile, prima di realizzare qualunque intervento era necessario effettuare dei sondaggi archeologici”.

Le voragini e la manutenzione

Come tutto l’Appio Latino anche Villa Lazzaroni, che ne rappresenta il polmone verde, è stata spesso interessata dal fenomeno delle voragini. Nel suo perimetro se ne sono verificate almeno tre nel corso degli ultimi anni. Una frequenza preoccupante, che ha reso necessario l’avvio della campagna di sondaggi. “Non sappiamo a che punto siano con i rilievi, di fatto però il Municipio non può intervenire su un’area su cui non ha la competenza - ha rimarcato la presidente Lozzi - volevamo almeno sistemare l’area giochi, ma ci è stato risposto che non si poteva fare neppure quello finchè le verifiche non erano terminate”. Nel frattempo, però, un po’ di manutenzione non guasterebbe. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento