menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Lazzaroni, si avvicina la riapertura del teatro: "A giorni formalizzata l’aggiudicazione"

Si è conclusa la gara per l’assegnazione del teatro. R.Andrea Guido (M5S): “Andrà a completare importante polo socio culturale”

La gara per l’assegnazione del teatro di Villa Lazzaroni si è conclusa. Si avvia quindi a lieto fine una vicenda che ha attraversato le amministrazioni. Con un lieto fine che, però, è ancora tutto da scrivere.

L'ultimo passaggio burocratico

“Per formalizzare l’assegnazione aspettiamo ancora l’esito dei controlli previsti dal codice degli appalti sul vincitore. Ma credo che si tratti ormai d’una questione di pochi giorni” ha premesso Roy Andrea Guido, il capogruppo del M5s in Municipio VII. La prudenza non è mai troppa soprattutto in una vicenda che si trascina da tanti, e probabilmente troppi anni. La determina dirigenziale comunque è stata firmata ed il nome dall’associazione temporanea d’impresa, su cui gli uffici dovranno eseguire questi ultimi controlli, è già noto.

Cosa mancava per l'apertura

L’assegnazione dello spazio, situato all’interno del polmone verde dell’Appio Latino, comporterà il suo utilizzo finalità teatrali. La struttura infatti, nel corso degli ultimi anni, ha ospitato anche delle mostre, ora sospese a causa del nuovo Coronavirus. Tuttavia è mancato finora, dopo i lunghi lavori di riqualificazione, un soggetto che si assumesse l’onere di allestire una programmazione teatrale e, contestualmente, di dotare la struttura di un impianto audio e delle poltroncine ancora mancanti.

La dedica a Proietti

L’intenzione del Municipio, una volta completato l’iter burocratico per la sua assegnazione, è quella di dedicare il teatro a Gigi Proietti. “Quello sarà uno spazio a disposizione del territorio che andrà a completare un importante polo socio culturale presente a Villa Lazzaroni. Ed è nostra intenzione - ha annunciato il capogruppo pentastellato - di dedicarlo a Gigi Proietti, giovane di belle speranze e grande talento. Una declinazione diversa da quanto fatto da altre realtà”ha ribadito il pentastellato, alludendo ad esempio al Globe Theatre, ma in linea con il suo essere stato un residente dell’Appio Latino ed uno studente del liceo Augusto.

La prudenza dei residenti 

“Aspettiamo con ansia tutte le verifiche per potere considerare risolta la questione del teatro - ha commentato Laura Anastasi, presidente dell’associazione Insieme per Villa Lazzaroni - la sua prolungata chiusura, infatti, rappresenta uno dei punti dolenti del nostro polmone verde”. A giorni non lo sarà più. Un problema in meno da risolvere tra le tante criticità di cui, la storica villa dell’Appio Latino, continua a soffrire.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento