rotate-mobile
Appio Latino Appio Latino / Via Tommaso Fortifiocca

Villa Lazzaroni, il Municipio si compatta: restano gli uffici rivolti al pubblico

Lieto fine per la vicenda che aveva visto contrapporsi PD e M5s. Tutto l'arco consiliare vota la proposta di lasciare gli uffici a contatto dell'ex Municipio IX nell'attuale sede di Villa Lazzaroni

Gli uffici di Villa Lazzaroni resteranno al loro posto. Almeno quelli che sono a contatto con il pubblico. Risolto il malintenso che si era generato dopo una comunicazione diffusa dal gruppo consiliare democratico. La presidente Lozzi aveva subito smentito, ma ancora non era stata formalizzata dal parlamentino di Cinecittà la versione definitiva.

I SERVIZI RIVOLTI AL PUBBLICO - “Abbiamo ascoltato il Direttore ed i Capigruppo e di conseguenza, con il Consigliere Sandro Toti (Roma Popolare), abbiamo deciso di presentare un documento per mettere nero su bianco una proposta che fosse condivisibile per tutti – spiega Fulvio Giuliano, Capogruppo di Fratelli d’Italia – con il nostro ordine del giorno, votato all’unanimità dei presenti, abbiamo chiesto al  Presidente ed alla Giunta di garantire  che, nell’attuale ubicazione di Villa Lazzaroni, restassero in vigore i servizi di 'Front office', con i medesimi orari di oggi”. Una disponibilità che era già stata  comunicata dalla presidente Monica Lozzi.  In più, con l’atto votato in Consiglio, “si chiede d ricercare anche nuove ed ulteriori sedi per questi servizi, in modo da renderli più capillari. Dopotutto il nostro – sottolinea Fulvio Giuliano – è un territorio molto vasto”.

L'ACCORPAMENTO DEGLI UFFICI - Il Consiglio municipale non ha ratificato soltanto la decisione di lasciare a Villa Lazzaroni tutti i servizi rivolti al pubblico. Con il documento approvato all’unanimità “anche quindi con i voti del PD e del M5s”,  si è dato mandato al Presidente di procedere  con l’efficientamento della macchina amministrativa.  Ed in tal senso si è chiesto di “dare attuazione al necessario accorpamento municipale”. A condizione che si tengano “in debita considerazione le particolari esigenze di quei dipendenti il cui spostamento - viene precisato - potrebbe causare reali disagi”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Lazzaroni, il Municipio si compatta: restano gli uffici rivolti al pubblico

RomaToday è in caricamento