San GiovanniToday

Appio Latino, addio al "marciapiede ballerino": iniziati i lavori su viale Furio Camillo

Si concluderanno nella prima settimana di gennaio i lavori iniziati per il rifacimento del marciapiede ballerino di viale Furio Camillo. Lozzi (M5s): "Abbiamo avviato il cantiere ora per non perdere le risorse appositamente individuate"

Sono  iniziati i lavori di rifacimento del “marciapiede ballerino” di Furio Camillo. Un’opera a lungo attesa, reclamata da residenti, commercianti ed associazioni del territorio. Un problema che aveva ricadute sia sul decoro che soprattutto sulla sicurezza del viale. Molto frequentato per la presenza della fermata metropolitana e dei tanti negozi che vi si affacciano.

LA VICENDA - Il marciapiede realizzato dal concessionario del PUP non era mai stato collaudato. Nel frattempo la società responsabile dell’opera e del parcheggio interrato, è fallita. E da allora il Municipio ed il Comune hanno inutilmente cercato le risorse  necessarue per realizzarlo di nuovo. “ il rimpallo di responsabilità tra Comune e società privata si è protratto per quasi 10 anni, decretando di fatto uno stallo”.

DIECI ANNI DI STALLO - La situazione è stata risolta dall’attuale amministrazione. “La presenza di un’opera mal realizzata non in carico al Comune, né tantomeno al Municipio VII, ma in capo ad una societá fallita non poteva giustificare il completo immobilismo da parte di tutte le amministrazioni succedutesi negli ultimi dieci –  va all'attacco la Presidente Monica Lozzi – Un atteggiamento di totale insensibilità nei confronti dei tanti cittadini che hanno subito danni a causa delle disconnessioni dei marciapiedi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA CORSA CONTRO IL TEMPO - “Stante il pericolo per l’incolumità pubblica e l'urgenza di rimuoverlo si è deciso di procedere con un intervento in danno nei confronti della società costruttrice dopo essere riusciti a reperire fondi aggiuntivi con l'assestamento di bilancio di fine ottobre  – ha fatto sapere la Minisindaca – Tali risorse dovevano essere spese entro l' anno pena la restituzione delle stesse al Comune. Una corsa contro il tempo che ha visto l’immediato avvio delle procedure di gara e la programmazione improcrastinabile dei lavori nel periodo delle festività natalizie”. L’avvio dei lavori a ridosso di uno dei periodi più frenetici dell’anno, può suscitare qualche perplessità. Tuttavia “se avessimo rinviato ad altra data – ha spiegato la Presidente Lozzi – avremmo rischiato di non intervenire in tempi rapidi. Pertanto, condiderando che i lavori termineranno entro la prima settimana di gennaio, tra un momentaneo disagio e l’incolumità dei cittadini, abbiamo dato la priorità a quest’ultima” .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento