rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Appio Latino Appio Latino / Via Magnagrecia

Mercato Metronio, i lavori sono per la messa in sicurezza. Per il restyling serve il Giubileo

Il municipio punta ad inserire la riqualificazione nell'elenco di opere previste per l'anno santo. In corso intanto i lavori per evitare nuovi distacchi di calcinacci

Da qualche giorno, su via Veio, sono entrati in azione operai ed automezzi. Non sono quelli attesi da anni per la riqualificazione del mercato Metronio. Sono, invece, impegnati per consentire alla strada di tornare ad essere pienamente utilizzabile. Perché le mura del mercato rionale coperto, co-progettato dall’architetto Giorgio Morandi, lo scorso 16 marzo sono state interessate dal distacco di porzioni d di calcinacci. E da allora, il marciapiede e buona parte della strada, risultano transennati.

I lavori in corso per riaprire la strada

Un mese e mezzo per far partire solo i lavori utili a riaprire completamente la strada? “L’edificio non è in carico al municipio VII, ma al dipartimento mobilità di Roma Capitale” ha spiegato il minisindaco Francesco Laddaga. Per far partire il cantiere, quindi,  è stato necessario interessare l’ufficio competente. Operazione inutile visto che, in assenza di risposte, l’ente di prossimità ha deciso di fare da solo rivolgendosi ad una delle ditte municipali per eseguire gli interventi attualmente in corso. Gli operai sono quindi al lavoro, dalla fine della scorsa settimana, per verificare le condizioni di tutta la facciata e per intervenire nei punti dove si sono verificati i distacchi. 

“Già stamattina – ha fatto sapere il presidente dell’AGS Metronio, Alessandro Albanesi –  gran parte delle transenne sono state rimosse e quindi i posti auto sottratti sono stati ripristinati. Invece per la ristrutturazione dell’edificio dobbiamo aspettare il Giubileo”.

La ristrutturazione del mercato Metronio

Il restyling del mercato Metronio, la cui progettazione era stata già predisposta dalla precedente amministrazione, gode anche di un finanziamento di circa 12 milioni e mezzo di euro. E’ un progetto “di totale riqualificazione, non completamente finanziato, sul quale stiamo lavorando in accordo con il Campidoglio per inserirlo nel programma giubilare” ha commentato Laddaga. Ma non è la prima volta che, il municipio da lui amministrato, dichiara di voler inserire l’opera tra quelle da realizzare entro il 2025.

“Vogliamo trasformare il mercato in un luogo che sia attrattivo anche per turisti e pellegrini, con attività di somministrazione ed un bel roof garden con affaccio sulla basilica di San Giovanni– ha spiegato l’assessora municipale Antonella Di Giacomo, nel corso di una commissione capitolina svoltasi ad aprile – l’intervento non è rientrato nell’elenco di opere previste nel primo Dpcm, ma confidiamo che possa far parte del secondo”. 

Perché inserire il restyling tra le opere giubilari

Quali sarebbero i vantaggi? “Avremmo a disposizione un paio di milioni in più, che non è moltissimo considerando il rincaro dei costi delle materie prime, ma è sicuramente un incremento utile. Inoltre – ha aggiunto l’assessora – consentirebbe di passare la gestione dell’intervento, molto complicata sul piano procedurale per un municipio, alla Società Giubileo 2025”. E questo dovrebbe anche comportare una data certa per la fine dei lavori di restyling, da terminare entro l’anno santo. Nell’immediato i cittadini dovranno accontentarsi di veder rimuovere le transenne da via Veio. Al resto, se l’auspicio del municipio andrà in porto, provvederà il Giubileo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato Metronio, i lavori sono per la messa in sicurezza. Per il restyling serve il Giubileo

RomaToday è in caricamento