Martedì, 22 Giugno 2021
Appio Latino Appio Latino / Circonvallazione Appia

"Con i soldi avremmo comprato i regali di Natale": arrestati rapinatori seriali

I due fanno parte di un'organizzazione criminale specializzata in rapine ai danni di supermercati. Solo nell'ultimo mese hanno compiuto sei furti. I carabinieri indagano sugli altri componenti

Riuscivano a compiere rapine in meno di 50 secondi e a far perdere le loro tracce, dileguandosi a bordo di auto rubate. Erano diventati l'incubo dei commercianti della zona della Circonvallazione Appia, dove in poco più di un mese avevano messo a segno bel sei rapine ai danni di alcuni supermercati. A mettere fine al terrore dei commericanti sono stati i Carabinieri che in pochi giorni hanno catturato due pregiudicati romani di 33 e 41 anni che facevano parte del gruppo criminale.

Dopo il fermo di uno dei componenti della banda, specializzato nel furto delle auto, analizzando i filmati di una rapina messa a segno ai danni di un supermercato di largo Gregorovius, i Carabinieri della Stazione Roma San Sebastiano sono riusciti a risalire all’identità di un altro rapinatore, colui che aveva il compito di immobilizzare il direttore del supermercato e, sotto la minaccia di una pistola, a costringerlo a consegnare il denaro senza che questi potesse avere il tempo di dare l’allarme alle forze dell’ordine.

I Carabinieri lo hanno arrestato nella sua abitazione, dove sono state ritrovate anche alcune delle armi e gli indumenti utilizzati nelle rapine. L’uomo ha tentato di giustificarsi con i Carabinieri che lo stavano arrestando dicendo che i soldi gli sarebbero serviti per comprare i regali di Natale e che comunque non avevano mai fatto del male a nessuno. Sulla vicenda i Carabinieri stanno continuando ad indagare per stringere il cerchio attorno agli altri componenti della banda di rapinatori e ai loro eventuali compici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Con i soldi avremmo comprato i regali di Natale": arrestati rapinatori seriali

RomaToday è in caricamento