San GiovanniToday

Stop alle auto private sull'Appia Antica: il progetto M5s per la Regina Viarum

L'assessore alla Mobilità di Roma Capitale ha annunciato in un'intervista su Elive Roma la prossima sistemazione di varchi elettronici sull'Appia Antica. Meleo: "Iniziativa pronta per l'estate"

Il futuro della Regina Viarum e’ senz’auto. O quasi. L’intenzione del Campidoglio è infatti quella di ridurre drasticamente il transito dei veicoli privati sulla strada. Per riuscirvi, l’amministrazione sembra indirizzata a ricorrere alle videocamere.

LA CONFERENZA DEI SERVIZI - “L'Appia Antica e' un parco archeologico tutelato, un patrimonio Unesco che dobbiamo difendere – ha dichiarato l’assessora alla Mobilità di Roma Capitale Linda Meleo, in un’intervista su Elive Roma – Stiamo per chiudere una conferenza dei servizi per l'istituzione di varchi sull'Appia Antica che consentiranno l'accesso solo a mezzi pubblici, taxi ed Ncc. Ci sara' poi un varco a porta San Sebastiano che impedira' l'accesso di auto private in direzione dal centro alla periferia” Quindi quella parte sara' accessibile solo dall'Ardeatina e poi si potra' tornare indietro”.

IL CRONOPROGRAMMA - L’operazione, anche se non trasforma la Regina Viarum in una strada ciclopedonale, punta a limitarne fortemente il passaggio dei mezzi a motore. Come l’assessora ha dichiarato nella trasmissione condotta da Andrea Bozzi“ Stimiamo che queste misure porteranno all'abbattimento dell'80-90% del traffico privato”. E sui tempi, Meleo ha chiarito che “Dopo la chiusura della conferenza dei servizi,  arrivera' a breve una delibera di giunta. Poi l'appalto e i lavori. Stimiamo che per l'estate questa operazione sarà conclusa”.

GIUDIZIO FAVOREVOLE - L'iniziativa annunciata dall'assessora Meleo, è stata accolta con soddisfazione dalle realtà ciclistiche. “Il Settimo Biciclettari, come associazione promotrice dell'Appia Day, non può che salutare con piacere questa notizia - ha dichiarato Dario Piermarini, portavoce del Settimo Biciclettari - L'Appia Antica è una delle strade più importanti della storia; solo un piccolo tratto di questa consolare ha avuto la fortuna di preservarsi fino ai nostri giorni consegnandoci il suo patrimonio immenso di bellezze archeologiche. Noi abbiamo il dovere di tutelare questa antica via di Roma e il minimo che possiamo fare è chiuderla al traffico delle auto. Ben vengano iniziative come queste che sono volte a proteggere  questo vero e proprio museo a cielo aperto. Lo scempio della Regina Viarum - ha concluso Piermarini - si è consumato anche per troppo tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento