menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appio Latino, addio “Alberello”: rimosso il leccio piantato un anno fa

Il leccio inaugurato dal Sindaco, che doveva essere il simbolo del quartiere, è stato rimosso. Al suo posto ne sarà piantato un altro. “Speriamo sia un Alberone vero” commentato su facebook i residenti

Era secco da molto tempo. Il leccio, piantato lo scorso novembre, è stato rimosso. Già da aprile aveva dato segnali poco confortanti. Le foglie si erano ingiallite, impoverendo una chioma già poco rigogliosa. L'Alberello, come ironicamente avevano cominciato a definirlo i residenti, non c'è più. 

RIMOSSO IL LECCIO - "Sono iniziati i lavori per la sostituzione del Leccio di Piazza dell’Alberone – leggiamo in una nota del Dipartimento Ambiente  – Nello scorso novembre, a seguito di alcuni danneggiamenti dovuti a un fulmine, il leccio è stato cambiato, ma non ha seguito un processo di crescita regolare e anzi ha iniziato a registrare dei problemi che sono aumentati fino a che non si è potuto far altro che certificarne la morte e chiedere alla ditta fornitrice la sostituzione attraverso la prevista clausola di garanzia dell’attecchimento".

LA GARANZIA - Da lunedì 26 settembre "inizia dunque la fase di rimozione del vecchio esemplare, cui seguirà la realizzazione dell'alloggiamento e poi la piantagione della nuova essenza e sesto d'impianto in via Appia. Il leccio che verrà messo a dimora nella piazza dell’Alberone è di 5,80 cm con una circonferenza al tronco di 3,80 metri. A ulteriore compensazione di quanto accaduto  – spiega il Dipartimento  – il Servizio Giardini ha ottenuto anche la fornitura di altri 3 lecci che verranno messi a dimora sempre nella zona di Via Appia".

LA NECESSARIA MANUTENZIONE - La garanzia dell'attecchimento sarà quindi esercitata. Tuttavia, ci sono alcune condizioni che i residenti vorrebbero venissero considerate. "Quando venne messe questo leccio – ci racconta Adriana Velardi, Presidente del CdQ – notammo che le radici erano più grandi di quella sorta di alveo che doveva contenerle". Il problema, come molti residenti anche dalla pagina facebook fanno notare, è che "bisogna piantarlo direttamente a terra, e non in quel vaso con la seduta attorno, che sotto è fatto di cemento". A prescindere dagli accorgimenti, molti cittadini chiedono una cosa molto semplice: un nuovo albero. Possibilmente, “un vero Alberone”, dal momento che il precedente era piuttosto minuto come dimensioni. "Bisogna però prevedere che vi siano dei botanici pronti a seguirne le fasi di crescita – osserva la Presidente del CdQ – non vorremmo tra un anno, stare di nuovo qui, a commentare la stessa situazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento