RomaNord

Flaminio: 500 euro a settimana per prostituirsi nella sua zona

Un transessuale è stato arrestato per tentata estorsione. Sorpreso mentre colpiva una persona, si è poi scoperto che pretendeva denaro per "esercitare" sul suo marciapiede

Un transessuale brasiliano di 45 anni è stato arrestato: chiedeva cinquecento euro a settimana per “battere” sul “suo” marciapiede.
A mettere fine alle continue estorsioni  e minacce perpetrate dall’uomo, gli agenti del Commissariato Flaminio Nuovo, diretti dalla dr.ssa Angela Cannavale , che nel pomeriggio di ieri hanno l'hanno arrestato con l’accusa di tentata estorsione, sfruttamento della prostituzione e lesioni personali.

IL FERMO - Alle ore 17,00 circa di ieri pomeriggio infatti, l’equipaggio dell’autoradio del Commissariato, ha notato un mentre colpiva un altra persona con schiaffi e pugni al volto.
Intervenuti per sedare la disputa, i poliziotti hanno identificato i due e dopo averli condotti in ufficio hanno ascoltato la loro versione.
In Italia da pochi mesi, uno dei due ha riferito agli agenti di guadagnarsi da vivere svolgendo prostituendosi.

MINACCE ED ESTORSIONE - In particolare, il denunciante ha riferito di subire le continue pressioni da un connazionale, che lo 'invitava' ogni giorno a versargli la cifra di 500 euro per poter “lavorare” in strada. Ben presto le richieste sono diventate minacce fino a quando è passato ai fatti aggredendolo e picchiandolo.

Dalle indagini effettuate nell'immediatezza dei fatti è emerso che la condotta vessatoria finalizzata alla estorsione del 45enne era anche destinata ad altri transessuali della zona.
Gli investigatori, ricostruita l’intera vicenda, hanno fatto scattare le manette per il 45enne, che, messo a disposizione dell’autorità giudiziaria, verrà processato per direttissima nella giornata di odierna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flaminio: 500 euro a settimana per prostituirsi nella sua zona

RomaToday è in caricamento