rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
L'operazione / Grottarossa / Via Bomarzo

Dopo cinque anni sgomberato l'insediamento abusivo della Flaminia

Dopo censimento e verifica delle fragilità per la tendopoli di Roma nord è arrivato lo sgombero: al via la bonifica del terreno da parte di Anas e Ama con il supporto della Polizia Locale

Sgomberato lo “storico” insediamenti abusivo lungo la via Flaminia, quello che da cinque anni sorgeva nel verde incolto ai margini dell’ultimo tratto della consolare in direzione centro. Dopo gli interventi preparatori delle scorse settimane, con la baraccopoli da tempo attenzionata dal tavolo per l’Ordine e la Sicurezza del XV, sono iniziate questa mattina le operazioni di bonifica del terreno che hanno visto impegnate Anas, Ama e Polizia Locale. 

Sgomberato l'insediamento abusivo di via Flaminia

“Una condizione di pericolo e difficoltà, sotto gli occhi delle migliaia di persone che ogni giorno percorrono questo tratto di strada. Come già accaduto per il Parco di via Conti all'Olgiata e per via Ferloni a Prima Porta, anche in questo caso prima ci siamo occupati delle persone e poi della pulizia del luogo fisico, dando priorità ai minori presenti e poi verificando tutte le altre situazioni di disagio. Solo dopo abbiamo proceduto alla programmazione e la realizzazione degli interventi di bonifica e pulizia dell'area” - ha fatto sapere il presidente del Municipio XV, Daniele Torquati. 

Baracche a via Frassineto

Baraccopoli, tema caldo a Roma nord. Soprattutto sull’asse Flaminia. “Da settimane c’è un nuovo insediamento abusivo in via Frassineto, tra via delle Galline Bianche e via Flaminia. Dall’insediamento della maggioranza di centrosinistra, ormai un anno e mezzo fa - attacca Daniel Paolini, esponente della Lega in Municipio XV - gli insediamenti in tutta Roma Nord non solo non sono diminuiti, ma si sono moltiplicati come ad esempio in via Tiberina e in via Riserva di Livia, il che certifica ancora oggi che le politiche sociali e di sicurezza di chi ha il compito di governare centralmente e territorialmente la Capitale sono oltremodo latitanti o poco efficaci”. Sulle baracche di via Frassineto, dove sono stati notati anche ingenti quantitativi di rifiuti accatastati, inoltrata anche una denuncia ai vigili. “Sarebbe apprezzabile che anche l’amministrazione notasse queste problematiche anziché - polemicca Paolini -  legittimarne de facto l’esistenza, in questo caso richiedendo ed effettuando lo sgombero dell’insediamento e la bonifica dell’area dalla sporcizia e dal danno ambientale che, inevitabilmente come si può immaginare, ne conseguirà. Proprio per via della disattenzione sul tema, si torna a chiedere pubblicamente all’Amministrazione un’attenzione più decisa, al momento evidentemente carente, e di dimostrare più presenza sul territorio”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo cinque anni sgomberato l'insediamento abusivo della Flaminia

RomaToday è in caricamento