rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
RomaNord Cassia

Saxa Rubra: romeno preso a sprangate da cinque connazionali

Due notti fa un cittadino romeno è stato preso a sprangate da cinque connazionali: i carabinieri hanno arrestato gli artefici dell'aggressione ora detenuti nel carcere di Rebibbia

Due notti fa cinque cittadini dell'est, armati di spranga e martello, e sotto l'effetto dell'alcol, al culmine di una lite hanno ridotto in fin di vita un operaio romeno di 53 anni. Dopo appena ventiquattro ore i carabinieri della Compagnia Roma Cassia hanno sottoposto a fermo i quattro romeni ed un albanese, tra i 21 ed i 26 anni, con l'accusa concorso in tentato omicidio.

La vittima era stata trovata in un lago di sangue nei pressi di piazza Saxa Rubra ed è ora ricoverato presso l'ospedale Sant'Andrea in prognosi riservata. Dopo i primi soccorsi sono scattate le indagini che hanno permesso ai militari di ricostruire l'intera vicenda: poco prima del cruento ritrovamento, la piazza era stata teatro di una violenta rissa tra cittadini dell'est, scaturita per futili motivi e per uso eccessivo di alcool.

Al momento del fermo i carabinieri hanno sequestrato nell'auto di uno dei fermati un martello intriso di sangue ed una spranga. I cinque arrestati al momento si trovano nel carcere di Rebibbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saxa Rubra: romeno preso a sprangate da cinque connazionali

RomaToday è in caricamento