Lunedì, 20 Settembre 2021
Prima Porta Prima Porta / Via Tenuta Piccirilli

Tenuta Piccirilli, 20 anni di attesa per il bus: "Sulla fermata non si torni indietro"

La traversa della Tiberina senza alcun tipo di servizio sogna l'autobus ma l'istituzione della fermata sembra aver subito uno stop. Torquati: "Municipio XV esca da sabbie mobili e agisca"

Via Tenuta Piccirilli sogna l'arrivo dello 020. Già perchè per la traversa della Tiberina, appena 3km dal cuore di Prima Porta, anche la fermata del bus rappresenta una conquista. I residenti qui, un chilometro di rettilineo stretto tra il campo rom del River e le mille problematiche della provinciale, vivono infatti da tempo nell'attesa dei servizi: gas, fogne, acqua corrente e quel rinnovo alle tubature, da adeguare all'espansione dell'abitato, promesso ma da 40 anni disatteso. 

Così il trasporto pubblico rappresenterebbe uno dei primi passi per uscire dall'isolamento e per evitare soprattutto di dover ricorrere per forza all'auto privata: la prima fermata disponibile dista infatti da via Tenuta Piccirilli oltre un chilometro e mezzo, una distanza da percorrere sul ciglio della Tiberina tra erbacce, auto che sfrecciano e pure prostitute in piena attività. 

Nel giugno scorso l'avvio dei lavori per realizzare la fermata dell'autobus tanto agognata: una conquista che adesso attende la propria concretizzazione, ossia la definitiva istituzione. 

A chiedere al Municipio XV questo ulteriore passaggio fondamentale, il capogruppo del Pd Daniele Torquati: "Da oltre 20 anni i residenti di Via Tenuta Piccirilli, zona in estrema periferia del MuncipioXV, aspettano una semplice fermata della linea 020. Nell'ambito degli appalti previsti nel piano degli investimenti, grazie anche ai risparmi ricavati da tre anni di lavoro amministrativo, avevamo realizzato la pedana per la predisposizione della fermata. Ora che tutto il lavoro è stato realizzato e che basterebbe un piccolo sforzo, arrivano le sabbie mobili: nulla si muove più" - ha scritto l'ex minisindaco. 

Da qui l'invio di una lettera all'Assessore ai Lavori Pubblici e all'Ufficio Tecnico di via Flaminia 872 per sollecitare l'intervento risolutivo e chiedere, oltre al motivo dei ritardi, quali iniziative siano state intraprese per la risoluzione del problema. Intanto gli abitanti di Tenuta Piccirilli, chiamati dunque ad attendere ancora, scalpitano per sapere quando anche loro potranno usufruire di un trasporto pubblico li per troppo tempo un miraggio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tenuta Piccirilli, 20 anni di attesa per il bus: "Sulla fermata non si torni indietro"

RomaToday è in caricamento