menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori finiti ma mezzi mai rientrati: così Prima Porta è rimasta senza l'ambulanza dell'Ares 118

Il cantiere in via della Stazione di Prima Porta concluso nel luglio scorso, Cangemi interroga Zingaretti e D'Amato: "Servizio fondamentale in territorio di 40mila abitanti"

I lavori di ristrutturazione dei locali che ospitano la postazione dei sanitari si sono conclusi a luglio, ma a distanza di quattro mesi nel cuore di Prima Porta della postazione Ares 118 ancora non v’è traccia. Niente ambulanza, nè equipaggio da quasi un anno. 

“Stiamo parlando di un servizio primario, oggi ancor più vitale considerata l’emergenza pandemica in corso” - sottolinea il vicepresidente del consiglio Regionale del Lazio e consigliere della Lega, Giuseppe Cangemi

Una postazione a servizio di un territorio di 40mila abitanti che inizia a domandarsi, dopo il trasferimento dei mezzi e il cantiere chiuso, se e quando ritornerà tra loro l’Ares 118. 

Da qui l’interrogazione urgente al presidente Zingaretti e all’assessore D’Amato per conoscere quali saranno i tempi di riattivazione del servizio in via della Stazione di Prima Porta. “Il 118 è un servizio vitale  - conclude il vicepresidente - che deve essere garantito con puntualità e precisione, soprattutto in questo periodo in cui le figure sanitarie rappresentano, ancor di più, sicurezza e tutela per i cittadini”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento