menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Davanti scuola traffico e sosta selvaggia, così le mamme di Labaro ideano il Pedibus

Bambini a scuola a piedi accompagnati dai volontari, due le "linee" attive che a breve diverranno quattro. Oltre a progetti ed educazione alla mobilità sostenibile proposte concrete per la zona

Iniziare la giornata in modo sano e salutare, senza stress da traffico e tempo perso in automobile per percorrere spesso tragitti davvero brevi. La mattina per i bambini di Labaro inizia così, due passi a piedi con i propri compagni verso scuola: tutti in fila, ordinati e sotto lo sguardo attento dei volontari. 

Il Pedibus - servizio che accompagna a piedi i ragazzi nelle scuole della zona - nato in via sperimentale, nel quartiere di Labaro è già un'istituzione: qualcosa di irrinunciabile per bambini e famiglie. 

"Un progetto nato dalla volontà di alcune mamme che osservando il caos e le problematiche del traffico mattutino davanti alle scuole dei propri figli hanno deciso di promuovere tale iniziativa" - ha spiegato a RomaToday Giada Medori, una delle ideatrici di Pedibus Labaro che ha voluto sottolineare come il successo del servizio sia poi da ascrivere - oltre alla bontà dell'iniziativa stessa - anche all'unità di intenti che ha visto partecipi alcune realtà del territorio come Comitato Verde Labaro, Gruppo Volontari Pedibus e XV Mob-Lab. 

Un successo che ha indotto le Associazioni coinvolte a prevedere l'attivazione di altre due "linee" quelle dedicate ai bambini che non fanno tempo pieno e che, visto l'orario d'entrata alle 8.06, partiranno da Largo Nimis verso le scuole di via Brembio e Largo Castelseprio alcuni minuti prima rispetto ai compagni che entrano dopo ed escono alle 16.30.

Lo scopo del Pedibus Labaro - oltre che liberare bambini e scuole da ingorghi, clacson e soste selvagge - è quello di sensibilizzare le generazioni del futuro sul tema della mobilità sostenibile in un quartiere che - visti spazi ampi, tranquillità e verde - in tal senso può davvero essere un buon modello da cui partire. Attraverso il progetto Lento Pede non mancano infatti incontri teorici in classe e uscite, rigorosamente a piedi. 

Ma i volontari che portano avanti l'iniziativa - alla quale il Municipio XV ha dato il patrocinio - si muovono non solo per il bene di coloro che utilizzano il servizio ma per migliorare la vita di tutto il quartiere: in particolare dalle attive mamme di Pedibus Labaro è stata proposta la pedonalizzazione del piazzale davanti alla scuola di Largo Castelseprio per evitare le scene quotidiane di macchine in sosta nel posteggio per disabili, in seconda e terza fila.

Dalle Associazioni coinvolte anche la richiesta di rinnovare completamente la segnaletica stradale affinchè sia consona alla vicinanza di una scuola e molto più visibile. 

Insomma non solo teoria e buone intenzioni: dal Pedibus - "nato da alcune mamme del quartiere per il quartiere" - proposte concrete e utili. 

Intanto - visto il successo nel bando di ACEA per Roma - Pedibus Labaro attende paline, pettorine e tutto il necessario richiesto per rendere il servizio ancora più efficiente.

 chissà se il materiale in arrivo sarà inaugurato sulla nuova linea che i volontari prevedono di realizzare: dopo via Brambio e largo Castelseprio, a scuola a piedi in compagnia anche per i bambini di via Baccano. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento