RomaNordToday

Contro lo spreco ecco il forno "solidale" di Labaro: pane invenduto a chi ne ha bisogno

L'iniziativa dei soci di 'Pane al pane': "Toccati da persone che raccoglievano residui alimentari del mercato"

"Dopo il mercato abbiamo visto tante persone in difficoltà che raccoglievano residui di alimenti, così ci siamo sentiti in dovere di aiutare nel nostro piccolo chi più ha bisogno". A parlare ai microfoni di RomaToday sono Andrea e Marco, due dei soci del forno 'Pane al pane' di Labaro che nei giorni scorsi hanno lanciato nel quartiere la loro iniziativa di solidarietà: il pane invenduto donato a persone o famiglie in difficoltà. 

Il forno "gentile" di Labaro: pane invenduto ai bisognosi

Nel locale di via Magnano in Riviera 38, proprio di fronte al mercato rionale di Largo Nimis, tutti i giorni dalle 21 alle 21.30, chi vive situazioni difficili potrà passare per ritirare pane e pizza "che altrimenti - spiega Marco - noi dovremmo buttare". Dunque no allo spreco in favore di persone economicamente fragili o indigenti. 

"Nei primi giorni dell'iniziativa si è già presentato qualcuno e speriamo che in futuro chi oggi mostra riluttanza nel venire a prendere il pane a disposizione, spesso per imbarazzo o orgoglio, possa superare questi scogli e accogliere positivamente il nostro aiuto" - ha aggiunto Marco. "Se qualcuno conosce persone, magari anziane, che potrebbero avere difficoltà a passare, passate voi per loro" - l'invito del forno "solidale" di Labaro. 

L'iniziativa solidale contro lo spreco

A confezionare i sacchetti di pane gli addetti al banco che razionano quanto rimasto in base alla richiesta del giorno, di quella mezz'ora di solidarietà quotidiana che a Labaro ha già incassato il plauso di buona parte del quartiere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un esempio per tanti e forse anche uno spunto per le altre attività commerciali della periferia: un buon modo per abbattere lo spreco e allo stesso tempo aiutare, con minimo sforzo e massima generosità, chi è in difficoltà.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento