RomaNordToday

Niente acqua per i fiori dei defunti: al Cimitero Flaminio commemorazione a secco

Dall'amministrazione solo una tanica, familiari tra bottiglie e rabbia

foto: Giulio I.

Commemorazione dei defunti all'asciutto e fiori destinati a seccarsi prima del tempo per tutti o quasi. Succede al cimitero Flaminio, quello di Prima Porta, dove da settimane l'erogazione dell'acqua è critica o in alcune zone del tutto interrotta. 

Cimitero Flaminio: disagi infiniti

Paradossale alla vigilia del 2 novembre, inaccettabile per il camposanto più grande di Roma e d'Europa. Circa 140 ettari di estensione, 37 km di strade interne e un'infinità di problemi: vie tanto dissestate da decretare la deviazione dei bus, verde così malmesso che tante sono le difficoltà dei familiari a raggiungere le lapidi dei loro cari.

Che dire poi di sporcizia diffusa e senso di insicurezza generale con i furti ai danni di auto e addirittura tombe all'ordine del giorno. 

Niente acqua

Un disastro su tutti i fronti, condizioni vergognose alle quali si è aggiunta quell'assenza d'acqua che costringe amici e parenti in visita ai cari a munirsi di taniche e bottiglie d'acqua per donare ai loro defunti fiori dignitosi e resistenti, per quanto possibile, al tempo. 

Una tanica per i fiori dei defunti

"Distributore di acqua non potabile" - si legge su un cassone posto in una delle aree del cimitero, un distributore temporaneo d'acqua installato su piedi di mattoni. Questa l'unica soluzione tampone trovata dall'amministrazione e da Ama. Intorno fontanelle asciutte o rubinetti da acqua in gocce.

La rabbia dei familiari costretti a portarsi le bottiglie da casa

Così, armati di santa pazienza, i parenti in visita al cimitero di Prima Porta si attrezzano: bottiglie di plastica portate da casa, viaggi avanti e indietro dal distributore e tanta rabbia. Assurdo infatti, ancor di più nei giorni della commemorazione dei morti, trovare il cimitero completamente a secco. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima Porta, al cimitero manca l'acqua: "Unica risposta di Raggi è una tanica su un furgone"

"Vorrei tanto conoscere quel genio che ha interrotto il servizio di acqua (non potabile) al cimitero e in occasione della commemorazione dei defunti" - si sfogano i familiari. "Non so di chi sia la responsabilità ma nella settimana della commemorazione dei defunti trovare l’intero cimitero Flaminio senza acqua mi va venire il voltastomaco. Sono infuriato" - aggiunge un altro. "Qui non si rispettano neanche i morti". 

A Prima Porta dunque 2 novembre all'asciutto, tra disagi e malumori. L'ennesimo calvario per i fruitori del Flaminio: un camposanto nel quale riposare in pace non sembra poi così scontato. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento