Domenica, 17 Ottobre 2021
Ponte Milvio Flaminio / Piazzale di Ponte Milvio

La bomba d'acqua disintegra l'asfalto di Ponte Milvio: buca enorme al centro della piazza

Area transennata all'ombra della Torretta Valadier, l'appello: "Riprogettare impianto fognario"

Ponte Milvio spaccato a metà dalla bomba d'acqua che si è abbattuta sulla Capitale lo scorso 17 agosto. La pioggia battente che nel pomeriggio è caduta su Roma ha completamente allagato il piazzale all'ombra della Torretta Valadier trasformando strade e marciapiedi in veri e propri fiumi in piena. Investiti i tavolini ai margini della piazza, sommersa l'aiuola dello square centrale, auto a passo d'uomo e pedoni impossibilitati a muoversi se non immergendosi in un lago fangoso. 

Asfalto sbriciolato a Ponte Milvio

Ad avere la peggio il centro della piazza con l'asfalto completamente saltato sotto i colpi della pioggia. Buche, manto stradale in frantumi e Polizia Locale a dover transennare oltre 50 metri quadrati tra viale di Tor di Quinto e Piazzale di Ponte Milvio. 

Maltempo: la pioggia sbriciola l'asfalto a Ponte Milvio, bus deviati e chiusure

Così per entrare nella piazza arrivando da Lungotevere e Largo Maresciallo Diaz le auto sono costrette a percorrere qualche metro contromano e imboccare la svolta più esterna, quella riservata a chi proviene da viale di Tor di Quinto. E' così da tre giorni con alcuni dei residenti del cuore di Roma Nord ad esprimere i primi malumori soprattutto in vista del rientro di tanti dalle vacanze e l'aumento del traffico in zona. 

Un'enorme buca all'ombra della Torretta Valadier

"Il vero problema sarà quando la città si ripopolerà e Ponte Milvio dovrà sostenere il solito traffico. Con questo imbuto sarà l'inferno" - commenta un cittadino intento ad osservare quel'area transennata proprio al centro della piazza. "Ponte Milvio è stato abbandonato: ogni volta che piove viviamo una situazione drammatica, l'altro pomeriggio l'acqua sgorgava dai tombini" - aggiunge un'altra. 

Lavori su viale di Tor di Quinto

Da qui l'appello al Campidoglio che pure in pieno luglio è intervenuto su viale di Tor di Quinto realizzando un nuovo impianto di raccolta delle acque piovane. 

"Il nostro dipartimento lavori pubblici ha installato nuove tubazioni più resistenti e ha ricostruito il manto stradale nei tratti interessati dai lavori, realizzando nuovi sistemi per far defluire correttamente le acque. Le aree oggetto di manutenzione e (viale di Tor di Quinto e viale dell'Oceano Pacifico ndr.) erano spesso soggette ad allagamenti. Il nostro intervento è finalizzato a eliminare i disagi per i cittadini e per la circolazione, rendendo queste strade pienamente percorribili da tutti" - aveva scritto la Sindaca Raggi. 

A Ponte Milvio "esplodono" tombini

Ma a pochi passi da quell'intervento venerdì scorso piazza, strade e marciapiedi sono stati sommersi riemergendo devastati.

"Piazzale di Ponte Milvio ha bisogno di una riprogettazione dell’impianto fognario. Puntalmente 'esplodono' i tombini, e questa volta con notevole danno per il manto stradale. Se cambia il clima e si verificano più frequentemente precipitazioni 'estreme' vuol dire che l’amministrazione dovrà adeguarsi e far fronte a nuovi potenziali fenomeni atmosferici. I soldi che ogni volta spendiamo nel risistemare tombini ed asfalto - suggerisce il consigliere di Lista Marchini in XV, Andrea Imbimbo - investiamoli prevenendo". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La bomba d'acqua disintegra l'asfalto di Ponte Milvio: buca enorme al centro della piazza

RomaToday è in caricamento