Martedì, 19 Ottobre 2021
Ponte Milvio Flaminio / Via della Farnesina, 37

Fantoccio impiccato e striscione di ingiurie: intimidazione al circolo Pd di Ponte Milvio

Le affissioni nella notte davanti la sede di via della Farnesina: "Omicidi, stupri, degrado di stampo allogeno. Voi complici e mandanti"

Un fantoccio impiccato sul cancello d'ingresso e un lungo striscione di ingiurie: macabro ritrovamento questa mattina davanti al circolo Pd di Ponte Milvio, in via della Farnesina 37. 

Le affissioni, siglate da uno dei gruppi di estrema destra romani, nella notte tra mercoledì 12 e giovedì 13 settembre. 

Intimidazioni al circolo Pd di Ponte Milvio

"Omicidi, stupri, degrado di stampo allogeno. Voi complici e mandanti. Pd= Porci Democristiani" - si legge sul manifesto affisso sulla parete della palazzina adiacente alla sede dei Democratici nel cuore di Roma Nord. 

"Ecco la sorpresina che si sono trovati stamattina i ragazzi della sezione Pdnetwork di Ponte Milvio a Romanord: un pupazzo impiccato e striscioni runici. Questa è l'aria che tira. Solidarietà e sempre maggiore determinazione, senza paura" - ha scritto su Twitter il deputato del Pd Filippo Sensi. 

La condanna dei Dem: "Atto gravissimo"

A condannare il gesto, definito un "gravissimo atto intimidatorio" anche Enzo Foschi, vicesegretario del Pd Lazio: "Se pensano di intimidirci in questa maniera sbagliano di grosso. Salvini invece di attaccare i magistrati che fanno il loro dovere, si preoccupasse, in quanto ministro degli Interni, di individuare e punire i colpevoli di tali atti. Capisco il suo imbarazzo di capopartito che delle parole d'ordine d'odio e razzismo, le stesse di questi neofascisti, ne ha fatto i suoi slogan". 

Scrive in una nota il Pd di Roma: "Se gli autori di questo gesto pensano di intimidirci si sbagliano di grosso. Le donne e gli uomini del Partito Democratico continueranno a combattere coraggiosamente schierandosi sempre dalla parte dei diritti, della democrazia, della legalità. Se i fascisti reagiscono cosi' significa che stiamo andando nella giusta direzione". Aggiungono Giulia Tempesta e Riccardo Corbucci, rispettivamente consigliera del Partito Democratico di Roma e coordinatore della Segreteria del Pd Roma. "Leggiamo una rivendicazione delirante da parte di una sedicente organizzazione chiamata Rivolta Nazionale, con delle accuse nei confronti del Partito Democratico da far accapponare la pelle. Non si tratta di un gesto isolato, ma dell'ennesimo raid nei confronti delle nostre sezioni. Un episodio che non va sottovalutato e che alimenta un clima già teso in città". 

A condannare il gesto, un lungo elenco di esponenti e realtà dem. Il consigliere regionale Eugenio Patané esprime "piena solidarietà" assicurando come "tali gesti non fermeranno le nostre battaglie", la consigliera regionale del Pd, Michela Di Biase, chiama in causa la sindaca Virginia Raggi: "Condanni questa escalation di attacchi di chiaro stampo estremista", mentre il capogruppo in Municipio XV Daniele Torquati lancia un appuntamento: "Ritroviamoci oggi stesso alle 18.30 presso la sezione di Ponte Milvio in via della Farnesina per dare una risposta unitaria". 

"Non ci facciamo intimorire da una banda di dementi che, in maniera vigliacca, colpisce la sede del Pd di Ponte Milvio a Roma. Si vengano a riprendere l'autoritratto che hanno appeso sul nostro cancello: quello del fantoccio impiccato". La condanna su Facebook del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Striscione Pd Ponte Milvio-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fantoccio impiccato e striscione di ingiurie: intimidazione al circolo Pd di Ponte Milvio

RomaToday è in caricamento