Ponte Milvio Flaminio / Via dei Robilant

L'ex deposito giudiziario è un cimitero di faldoni: i dati di migliaia di romani alla mercé di tutti

L'area giace in stato di abbandono dal 2015: documenti in bella vista e a portata di mano

Duemila metri quadri all'ombra della Farnesina nel degrado più totale. Un immenso piazzale vuoto, tra recinzioni divelte e cumuli di sporcizia, abbandonato da oltre tre anni: da quando ha cessato di essere il deposito giudiziario in cui venivano custodite le automobili rimosse dalla Polizia Locale. 

Desolazione e bivacchi all'ombra della Farnesina

Per un paio d'anni desolazione e bivacchi con le ultime vetture rimaste trasformate in dormitori di fortuna, vecchie auto adibite ad abitazioni con vista discariche: intorno infatti cumuli di rifiuti, calcinacci e copertoni. Una vera e propria "terra di nessuno" a due passi dal Ministero degli Esteri e da Ponte Milvio, ostaggio nel tempo di appalti bloccati e pure braccio di ferro tra Comune e Demanio su competenze e tariffe da riscuotere. 

Documenti e faldoni in bella vista

Nell'ex deposito giudiziario però molto più che mero degrado. Nel piccolo fabbricato che una volta ospitava gli uffici giacciono alla mercé di tutti decine di faldoni: cartellina contenenti dati sensibili dei proprietari delle auto finite almeno una volta in quella rimessa. I raccoglitori sono ancora tutti li, su quegli scaffali oggi incustoditi e facilmente accessibili. 

Basta infatti infilarsi in una delle tante aperture della rete di recinzione per ritrovarsi dentro al deposito e dunque a contatto con i documenti di migliaia di romani. Un vero e proprio attentato alla privacy, mai risolto nonostante le numerose segnalazioni. 

Nel 2017 il Municipio XV aveva chiesto al Dipartimento del Patrimonio di Roma Capitale di bonificare l'area, rimuovere veicoli, manufatti e documentazione abbandonata: unico intervento effettuato quello relativo alle vetture in disuso. Per il resto nulla: documenti e faldoni sono ancora li, sottoposti ad intemperie e possibili razzie. 

Ex deposito giudiziario tra giacigli e rifiuti: abbandono e degrado all'ombra della Farnesina

Privacy dei romani a rischio

 A tornare sulla questione il capogruppo del Pd in via Flaminia 872, Daniele Torquati, che ha protocollato una lettera per sollecitare un intervento nel vecchio deposito giudiziario "dove - ha scritto in una nota - è a rischio la privacy di migliaia di romani". 

"Nonostante le rigide disposizioni della legge 196/2003 e nonostante le ancor più rigide direttive imposte dall'Europa con la recente normativa entrata in vigore lo scorso 25 maggio, il Campidoglio continua a ignorare questa situazione. Eppure - ha concluso il Dem - non può dire di non saperlo". 

Tante nel tempo infatti le segnalazioni e le denunce a mezzo stampa sul "cimitero dei faldoni": quello nel pieno di Roma Nord dove i dati sensibili di migliaia di persone sono alla mercé di tutti da anni. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex deposito giudiziario è un cimitero di faldoni: i dati di migliaia di romani alla mercé di tutti

RomaToday è in caricamento