rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
RomaNord

Stazioni come discariche, i pendolari incalzano Gualtieri: "Le inserisca nel piano di pulizia della città"

Le stazioni e i parcheggi di scambio lungo la Ferrovia Roma Nord simili a pattumiere, per gli utenti slalom tra rovi e immondizia: "Meritiamo servizio dignitoso e accessi decorosi"

I parcheggi di scambio più simili a discariche a cielo aperto, le stazioni che appaiono lande desolate sprofondate nell’abbandono e nell’incuria più totale. Pulizie inesistenti se non ad opera dei volontari e del Comitato Pendolari Roma Nord più volte sceso in campo per rendere le fermate più disastrate almeno un minimo decorose. A Montebello le auto sostano tra verde incolto e mattonato divelto, gli utenti della Roma Civitacastellana Viterbo sono costretti a fare lo slalom tra cartacce, sporcizia e rovi.

I parcheggi della Roma Nord tra sporcizia e montagne di rifiuti

A Grottarossa il parcheggio è un enorme rettangolo di fango disseminato di buche e non è raro vedere sacchetti dell’immondizia abbandonati sulle scale di ingresso. Saxa Rubra, nodo di scambio tra ferrovia, bus Atac e Cotral, è una sorta di savana con tanto di recinzioni divelte o quasi completamente distrutte. Domina ancora il sito di trasbordo dei rifiuti, mentre sui marciapiedi si fa lo slalom tra i sacchetti.

Non va di certo meglio a stazione La Celsa, sulla Flaminia: qui i pendolari della Roma nord da tempo convivono con le baracche abusive sorte lungo gli argini del Tevere, sotto i piloni di cemento del Viadotto Giubileo del 2000. Ogni giorno fuochi e roghi tossici, degrado crescente. Non solo ad opera dei disperati che abitano i tuguri costruiti nel fango lungo il fiume: la posizione isolata della stazione apre le porte agli “zozzoni” che ogni giorno sversano sul piazzale del parcheggio decine di sacchi dell’immondizia. Così alcuni dei posti auto sono occupati da montagne di spazzatura.Dietro la stazione di Due Ponti a volte la strada è ridotta a una sola corsia perché metà della carreggiata è ingombra di rifiuti. Scenari desolanti. 

I pendolari della Roma nord incalzano Gualtieri: “Pulisca anche stazioni”

Da qui l’appello del Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord al nuovo sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, che ha annunciato di voler ripulire la città entro Natale. “Come lavoratori e studenti, che danno ogni giorno il loro contributo alla ricchezza della Capitale (o si preparano a darlo) e che spesso vivono in provincia perché con gli stipendi che guadagna una famiglia permettersi un affitto a Roma è proibitivo, crediamo non solo di aver diritto a un trasporto pubblico dignitoso (e questo è un altro capitolo che dovremo affrontare anche con la Sua amministrazione, che al momento è ancora l’azionista unico di ATAC), ma anche ad accedervi senza dover attraversare piazzali abbandonati al degrado e parcheggiare l’auto in una discarica, dove l’unica vigile (in tutti i sensi) presenza dell’Amministrazione è segnalata dalle multe” - scrivono i pendolari in una nota. “Multe che suscitano in noi un interrogativo: perché il cittadino deve pagare le proprie inadempienze e chi deve garantire al cittadino un servizio pagato con le sue tasse e non lo fa invece non paga mai?”

La richiesta è quella di inserire le stazioni e i parcheggi di scambio della Roma Nord nel piano di pulizia straordinaria della città affinchè almeno sosta dell’auto e attesa in banchina siano in condizioni dignitose. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazioni come discariche, i pendolari incalzano Gualtieri: "Le inserisca nel piano di pulizia della città"

RomaToday è in caricamento