Mercoledì, 28 Luglio 2021
RomaNord Via Stazione di Cesano, 837

Libri solidali, a Roma nord il bookcrossing è per i testi scolastici

L'iniziativa "Libri delle medie solidali" coinvolge i quartieri di Cesano e Osteria Nuova: "Così evitiamo spreco e aiutiamo socializzazione"

Foto di Lubos Houska da Pixabay

La campanella di fine anno è suonata da poco, ma per le famiglie è già scattata la corsa alla ricerca dei libri scolastici necessari alla prossima classe dei propri figli. Liste alla mano, sono tanti i genitori che puntano sull’usato: tomi in buono stato di seconda mano, utili a risparmiare ed evitare lo spreco. Soprattutto dopo il periodo di crisi economica che ha investito la società. Così parte da Cesano l’idea dei libri solidali, in particolare quelli per la didattica delle scuole medie. 

A Cesano libri delle medie solidali

Una sorta di bookcrossing per creare una rete tra le famiglie degli alunni. Si chiama “Libri delle medie solidali” l’iniziativa promossa dalla consigliera Pd in Municipio XV, Agnese Rollo. “Come ogni anno tra fine giugno ed inizio settembre si va alla ricerca di libri usati per il triennio da quei ragazzi che sono usciti dal circuito scolastico della scuola secondaria di primo grado per iniziare le superiori. Molto spesso mi sono ritrovata a mettere in contatto genitori che volevano donare libri usati con altri che ne erano alla ricerca. Altre volte non ci sono riuscita, con l’amara constatazione che poi quei libri sarebbero stati buttati” - spiega così la nascita dell’iniziativa che oggi coinvolge soprattutto i quartieri di Cesano e Osteria Nuova. 

Il bookcrossing è per i libri scolastici

Ma come funziona lo scambio dei libri solidali? Al Casale della Agraria, con la preziosa collaborazione della cooperativa sociale CassiAvass, in un week end di inizio settembre prima della campanella, chi vorrà potrà lasciare i propri libri usati e chi ne avrà bisogno potrà prenderli gratuitamente per utilizzarli nell'anno scolastico che verrà. Probabilmente si potranno scambiare anche romanzi e libri di lettura in buono stato.

“L'evento ha molteplici finalità: la solidarietà tra chi fa parte di una stessa comunità scolastica; la socializzazione tra giovani e meno giovani, fondamentale dopo un anno e mezzo di distanziamento fisico e affettivo; la lotta antispreco dei libri scolastici” - ha commentato Rollo. L’idea piace, tanto che probabilmente sarà replicata in altri quartieri di Roma nord e proposta come modello in altri territori della città. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Libri solidali, a Roma nord il bookcrossing è per i testi scolastici

RomaToday è in caricamento