rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
La Storta La Storta / Via Francesco D'Isa

Gualtieri torna a La Storta da sindaco: "Restituiamo parco di via d'isa ai cittadini"

Il neo sindaco di Roma è tornato nella periferia a nord di Roma per incontrare i residenti de La Storta, impegno sul parco abbandonato di via D'Isa: "Bonifica e acquisizione"

Un’area verde di periferia inutilizzabile, abbandonata e degradata: senza manutenzione diventata negli anni una landa desolata in quel di La Storta. Off limits per i residenti. E’ il parco di via Francesco d’Isa, in zona Pantanaccio: è qui che il neosindaco di Roma, Roberto Gualtieri, dopo la visita dei primi di settembre, è voluto tornare appena eletto. 

Gualtieri torna a La Storta da sindaco

“Siamo venuti a vedere questo parco, un'opera a scomputo che dopo una lunga battaglia è passata al Comune ma non la sua manutenzione e gestione, e quindi non è agibile e fruibile. Come chiedono i cittadini occorre acquisirlo pienamente per poterlo mettere a posto con manutenzione ordinaria e anche straordinaria: serve una bonifica del terreno, ci sono delle zone pericolose" - ha detto Gualtieri. 

L'impegno sul parco abbandonato di via d'Isa

L’impegno preso con i residenti è quello di avviare quanto prima un’operazione di manutenzione straordinaria e un conseguente lavoro di programmazione. “Dobbiamo restituire il verde pubblico ben curato alle romane e ai romani. A cominciare dalle periferie” - ha sottolineato il Sindaco. 

“Questo - ha aggiunto - fa parte della nostra idea di città, con servizi che comprendono anche verde e spazi di incontro in tutti i quartieri. Iniziamo proprio dai quartieri che hanno più bisogno di servizi e di interventi, e oggi siamo qui per impegnarci a procedere finalmente dopo tanti anni a rendere questo posto fruibile insieme al neo presidente Torquati".

Torquati a La Storta: "Il parco di via d'Isa va acqusito, subito impegno"

Anche per lo stesso Torquati "questo è un segnale che vorremmo dare a tutta la città, che è disseminata di questi posti per opere a scomputo che devono essere pubblici e che invece sono stati spesso il simbolo di degrado all'interno dei quartieri. È una particolarità in un tema generale, ecco perché abbiamo voluto che Roberto venisse qui già il primo settembre, durante la campagna elettorale, ma è stato un giusto segnale che sia ritornato subito dopo le elezioni".

Per il minisindaco, tornato alla guida del Roma nord dopo la consiliatura finita anzitempo del 2013, "la cura e l'attenzione devono essere quotidiane nonostante le molteplici difficoltà della città, che ha molti negativi ma anche tante opportunità. Abbiamo condiviso con i cittadini tante battaglie per l'acquisizione di questo parco nel patrimonio comunale quando eravamo all'opposizione e ora continueremo in maggioranza, perché la coerenza è ciò che riporta nei cittadini la fiducia nella politica". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gualtieri torna a La Storta da sindaco: "Restituiamo parco di via d'isa ai cittadini"

RomaToday è in caricamento