RomaNordToday

Alemanno in tour a Roma Nord: "Viabilità bloccata almeno fino a ottobre"

Sopralluogo dell'ex sindaco nei punti colpiti dalle frane di gennaio: "Normalità a luglio? Un'illusione". La replica dell'assessore Masini: "Siamo stati rigorosi e responsabili, al contrario della vecchia amministrazione"

Quasi un salto indietro nel tempo: l'ex sindaco Alemanno in uno dei suoi classici sopralluoghi sul territorio. Stavolta in veste di esponente dell'opposizione all'attacco dell'amministrazione Marino. L'ex inquilino del Campidoglio è andato a Monte Mario e tappa dopo tappa ha ripercorso i luoghi delle frane che hanno piegato il quadrante a gennaio. La Tangenziale ha riaperto domenica? Sì, "ma dopo 150 giorni Roma Nord rimane ancora bloccata e, purtroppo, lo sarà per tutta l’estate". Ne è convinto il consigliere di Fratelli d'Italia. 

"RIAPRIRE A LUGLIO? UN'ILLUSIONE" - La Panoramica è ancora a due corsie, la Trionfale è chiusa e la Cassia è una corsia. Fin qui niente di nuovo, l'assessorato ai Lavori Pubblici ha tenuto informati i cittadini sui tempi di intervento, stilando un cronoprogramma che per adesso, giorno più giorno meno, è stato rispettato. Che però si possa sperare davvero in un ritorno alla normalità già a luglio, per Alemanno, "è un'illusione". Basta prendere Panoramica e Trionfale: "Solo per cementificare le armature passeranno settimane e settimane, se andrà bene sarà pronto per settembre o per ottobre". 

IL VIDEO DEL TOUR A ROMA NORD

E poi ci sarebbe la questione strade. Secondo l'ex sindaco "da oggi sono terminate le risorse per la manutenzione della viabilità principale. Dopo che da mesi sono stati ridotti a zero i soldi per le manutenzioni delle strade secondarie affidate a Municipi, ora sono esauriti anche i fondi per la manutenzione della viabilità principale di competenza di Roma Capitale".

IL BOTTA E RISPOSTA - Nient'altro che un "grottesco show" quello di Alemanno per l'assessore ai Lavori Pubblici, Paolo Masini, che replica a stretto giro. "I fondi per la manutenzione stradale sono stati trovati. Non abbiamo timore a dirlo: sono stati trovati con difficoltà, perché il lascito che questa città ha ereditato dalla precedente gestione è un fardello che opprime lo sviluppo e la manutenzione di Roma". 

Detto questo Masini rivendica un lavoro svolto "con responsabilità e rigore", "nel silenzio e con responsabilità", ostacolato "dai 'buffi' della disastrosa e allegra gestione economica" della precedente amministrazione. "Un danno da 85.617.000 euro di debiti solo per le utenze nei cinque anni, ovvero la metà delle risorse a disposizione per la manutenzione della città. E poi ci si chiede se abbiamo problemi di risorse? 65 milioni sono stati già sanati dal nostro bilancio in un solo anno". 

Ma Alemanno non ci sta a "continuare ancora il gioco dello scarica barile". E rilancia: "È passato più di un anno dall'insediamento del sindaco Marino e non siamo più nell'anno finanziario di transizione del 2013 eppure l’immobile assessore Masini continua a cercare di scaricare su di noi la totale paralisi del piano investimento del Comune di Roma". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento