rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Fleming Tor di Quinto / Piazza Monteleone di Spoleto

Scontrini fasulli e occupazione abusiva: sequestrata merce ad un operatore

La polizia locale di Roma Capitale è intervenuta nei confronti di un commerciante che opera nel mercato di piazza Monteleone di Spoleto

Emetteva scontrini per un’altra società e non aveva il permesso per stare lì. La polizia locale di Roma Capitale è intervenuta nei confronti di un operatore del mercato di piazza Monteleone di Spoleto, al Fleming, su segnalazione del consigliere di Italia viva Max Petrassi nel Municipio XV, sequestrando la merce e facendo sgomberare il bancone.

L’intervento messo in atto nella mattinata di lunedì 23 maggio accende nuovamente i riflettori su un’area difficile e che causa non pochi disagi. “Quello è un mercato da rinnovare – spiega Petrassi - non c’è un bagno, è fatiscente con cavi elettrici in bella vista. Quando ancora non ero consigliere avevo raccolto più di mille firme per farlo togliere visto che quella è l’unica piazza del quartiere al Fleming. È il quartiere con meno verde, non ha un’area per i bambini ed ha solo quattro panchine. Come consigliere poi vorrei abbattere le barriere architettoniche e rendere più agevole la vita delle persone fragili”.

Mercato piazza Monteleone di Spoleto, allo studio il potenziamento

Petrassi sottolinea il fatto di non avere “nulla contro gli operatori, che vogliono semplicemente svolgere il loro lavoro. Le regole però sono importanti. L’operatore controllato dalla polizia locale, che ringrazio insieme ovviamente all’assessorato al Commercio, ha una postazione che ostruisce il passaggio disabili e il furgone sulle strisce pedonali. Non vogliamo togliere quel mercato ma potenziarlo in un’altra sede, per far stare in sicurezza sia gli operatori che i cittadini”. 

“Il sequestro non vuole e non deve essere punitivo nei confronti di nessuno – sottolinea a RomaToday Tommaso Martelli, assessore alle Politiche del Commercio – si tratta di un intervento a tutela dei rotazionali che, per la maggior parte, sono persone che rispettano le regole e pagano quello che devono pagare. È giusto che chi non rispetti le regole venga sanzionato. Andare a punire chi ha danneggiato degli altri rotazionali è giusto. Il principio è salvaguardare il lavoro di tutti”.

Intanto si prepara il nuovo piano del commercio: “Abbiamo attivato già da mesi dei colloqui con associazioni dei rotazionali perché, forse per la prima volta, li stiamo coinvolgendo per il prossimo piano del commercio su area pubblica del 2022 – spiega ancora Martelli - vogliamo che sulle rotazioni ci sia dialogo tra tutti gli attori, dipartimento, assessorati, uffici del commercio, associazioni e polizia locale per capire dove sono le criticità e risolverle. Non ci devono essere decisioni calate dall’alto”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontrini fasulli e occupazione abusiva: sequestrata merce ad un operatore

RomaToday è in caricamento