RomaNordToday

Sei piani di abbandono: la palazzina fatiscente fa rabbrividire il Fleming

Nel bel mezzo delle palazzine residenziali della Collina Fleming uno stabile abbandonato da decenni. Le voci dei vicini: "Proprietari garantiscano almeno decoro e sicurezza"

Rovi che fuoriescono dal muretto perimetrale semi distrutto, erba incolta che dal giardino si riversa sul marciapiede lungo il quale lo scenario è davvero da brividi: ad accompagnare per alcuni metri i pedoni quei mattoncini divelti, logori e storti che costituiscono il confine esterno della proprietà scandito pure dalle lamiere accartocciate.

Non va meglio dentro dove su una sorta di foresta si erige una palazzina fatiscente: sei piani di abbandono e degrado nel bel mezzo dei palazzi residenziali di Collina Fleming. Condizioni, quelle dello stabile al civico 805 di via Flaminia, decennali con i vicini stufi ed esasperati di dover convivere con l'affaccio su un vero e proprio rudere. 

A coprire lo stabile circondato da eterni ponteggi due teli verdi ormai consunti e strappati che rendono lo scenario quasi peggiore, a nasconderlo dagli occhi dei passanti più disattenti due grossi alberi. Ma la presenza è ugualmente ingombrante e fastidiosa. Qui nel corso degli anni sono stati avvistati anche alcuni occupanti abusivi: "Perlopiù - racconta a RomaToday una residente della palazzina accanto - senzatetto. Tutta gente di passaggio, discreta e non fastidiosa tanto che - tiene a sottolineare la signora - non ho mai ritenuto indispensabile denunciare tali presenze".

A preoccupare però il vicinato quello stato di abbandono decennale: "Questa palazzina è così da sempre, sembra che i proprietari non si siano messi d'accordo sul destino dello stabile i cui lavori non sono mai iniziati" - racconta un'altra voce del quartiere. Sul cancello un vecchio cartello, ormai in frantumi dove si intravede la scritta "vendesi". Ma a ben vedere lo stabile sembrerebbe ancora nelle salde mani di chi ha scelto di lasciarlo così. Uno stato indecente: "Non possiamo aspettare che il logorio del tempo lo tiri giù. E' necessario che qualcuno intervenga" - sostiene un residente.

Ma quella palazzina, che da quanto si apprende dovrebbe appartenere a dei privati, è così da sempre e non sembra affatto - tranne alcune azioni intraprese dalla scorsa amministrazione municipale - che ci sia qualcuno interessato a far si che la situazioni migliori. "Servirebbe pure una valutazione sulla stabilità, quelle mura sono alla mercé delle intemperie da tempo immemore" - osserva un'altra abitante del Fleming.

Ma la richiesta nell'immediato è un'altra: ossia che la proprietà, obbligata alla manutenzione anche per evitare pericoli all’incolumità e alla salute pubblica, ripristini un minimo di decoro. Quello dovuto al quartiere e a tutto il vicinato. 

IL VIDEO | Le riprese di Invideo che attraverso l'utilizzo di un drone mostrano lo stato dello stabile di via Flaminia 805

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento