rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
RomaNord Tor di Quinto / Via Flaminia, 872

I primi impegni della maggioranza Torquati: nessuno con la lista Calenda che resta “stampella”

La lista Calenda, nonostante un assessore, resta ufficialmente fuori dalla maggioranza: tra le priorità indicate da Pd, Lista Civica, Roma Futura e Sinistra Civica Ecologista, gli allagamenti di Prima Porta e il mercato di Ponte Milvio

La maggioranza del Municipio XV al lavoro. In via Flaminia sono stati protocollati i primi quindici documenti della consiliatura a guida del minisindaco Daniele Torquati: “Siamo ripartiti da alcuni degli impegni presi in campagna elettorale, dai contenuti e dalle programmazioni lasciate in sospeso, ma anche dalle principali priorità, tutti temi necessari al recupero e alla riqualificazione del nostro territorio” - hanno fatto sapere in una nota Claudio Marinali, Sara Martorano, Alfonso Rago e Giovanni Forti, rispettivamente capigruppo del Pd, Lista Civica, Roma Futura e Sinistra Civica Ecologista.

Municipio XV, la lista Calenda fuori dalla maggioranza resta "stampella"

Restano fuori, per adesso, i cinque punti di accordo con la lista Calenda, quelli che hanno portato nella Giunta Torquati, Tommaso Martelli: candidato presidente in quota Italia Viva del partito risultato il più votato a Roma, il secondo a Roma nord dopo FdI e prima del Pd. In Municipio XV lista Calenda non ufficialmente in maggioranza ma, con un assessorato importante come quello alle Politiche del Commercio e delle Attività Produttive, Politiche dello Sport,  “stampella” del centrosinistra. 

Da Prima Porta a Ponte Milvio: i primi impegni della maggioranza Torquati

Il lavoro del Municipio XV partirà dal risanamento idraulico, “che per questo municipio necessita di una pianificazione costante per la manutenzione ordinaria, già avviata”, ma anche della messa in funzione dell'impianto idrovoro di Via Procaccini a Prima Porta e del Collettore Alto della Farnesina, “impianto che se completato, garantirebbe l'afflusso di metà dell'acqua nei gabbioni realizzati ed eviterebbe gli allagamenti su Corso Francia e Ponte Milvio”. Numerosi i contenuti riguardanti il sociale, altro tema prioritario per un territorio così eterogeneo e ricco di periferie. All'ordine del giorno il Centro Anziani San Felice Circeo e il recupero della piazza antistante, la promozione di Patti di Comunità tra le scuole, l'attivazione della Consulta del Volontariato, la programmazione di progetti per la tutela delle donne vittime di violenza e un nuovo Piano Cultura realizzato in autonomia dal municipio XV. Sul tavolo anche la mobilità e i lavori pubblici: previsto un nuovo studio sulla viabilità per lo stradone di Via Cassia Nuova, l'ultimazione dei lavori del Parco del comparto C6 di Valle Muricana e il divieto di transito dei mezzi pesanti su alcune viabilità di Cesano. Tra i documenti, anche lo spostamento dell'Ufficio Anagrafico di La Storta al Punto Verde Qualità Olgiata e la messa a bando dei banchi chiusi del Mercato di Ponte Milvio. “Ultimo, ma non per importanza, - scrivono i capigruppo - il recupero del Parco di Via Francesco D'Isa, l'unica area verde di La Storta per cui ci siamo presi degli impegni in campagna elettorale”. 

“Dopo le prime settimane spese per l'organizzazione e per affrontare le prime emergenze, ora è iniziata la fase di programmazione, andiamo avanti così" - esortano Marinali, Martorano, Rago e Forti. 

Torquati plaude alla sua maggioranza: "Ripartiamo da contenuti"

"Una programmazione che riparte dai contenuti” - ha aggiunto il presidente Torquati. “Quanto fatto in questi giorni è un ottimo lavoro, fatto con la stessa responsabilità che ci siamo assunti a partire dalla campagna elettorale e per cui ora chiediamo anche il contributo degli altri gruppi politici. Un lavoro che mi rende orgoglioso di questo gruppo che ha scelto di ripartire dagli impegni presi, dalle programmazioni lasciate in sospeso e dalle priorità del territorio". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I primi impegni della maggioranza Torquati: nessuno con la lista Calenda che resta “stampella”

RomaToday è in caricamento