Cassia Cassia / Via Gradoli

Blitz dei vigili nei tuguri di via Gradoli: "Su igiene e salute intervenga la Sindaca"

Il Comitato plaude all'intervento: "Primo passo ma non basta"

Blitz della Polizia Locale in via Gradoli. Gli uomini del comandante Renato Marra sono intervenuti al civico 65/69 per effettuare una serie di controlli sui monolocali della vergogna. Veri e propri tuguri adibiti ad abitazioni: seminterrati senza finestre, in condizioni igieniche precarie e senza alcun rispetto delle norme di sicurezza più basilari. A spaventare i residenti la presenza di bombole del gas e qualche personaggio losco. 

In via Gradoli scantinati adibiti ad abitazioni

"Monolocali nuovamente e abusivamente riutilizzati a scopo abitativo, in aperta violazione dell’ordinanza sindacale di  inabitabilità e sgombero del novembre 2007" - hanno fatto notare dal Comitato per via Gradoli che proprio nei giorni scorsi era tornato a lanciare l'allarme sicurezza per quegli stabili.

In via Gradoli tuguri degradati imbottiti di gas, illegalità e risse

Dai Vigili il censimento di residenti e proprietari

Locatori e locatari, assenti al momento del sopralluogo, in base a quanto riportato dal Comitato, sono stati convocati per essere identificati e fornire le dovute informazioni alle autorità. La Polizia Locale del Municipio XV ha inoltre fatto richiesta all’amministratore del condominio di trasmettere al responsabile del procedimento l’anagrafe condominiale aggiornata e completa di residenza e reperibilità dei proprietari dei famigerati “loculi”.

Il Comitato per via Gradoli: "Primo passo ma non basta"

Un primo risultato che però, per chi in via Gradoli convive da anni con insicurezza, illegalità e violenza, non basta. "Un intervento volto a ristabilire la legalità, necessario ma non sufficiente per la definitiva risoluzione della questione di via Gradoli" - incalzano i residenti della sventurata traversa di via Cassia. 

Indispensabile, secondo il Comitato per via Gradoli, l’emanazione da parte dell’Area Tecnica del Municipio degli atti amministrativi, previsti dalla normativa vigente in materia di edilizia, "mirati a rendere gli immobili censiti nella categoria non residenziale non più fruibili ad uso abitativo".

I residenti: "Su igiene e salute intervenga la Sindaca"

"Rimaniamo in attesa che l'Ufficio, dopo anni di vane richieste, batta finalmente un colpo, così come aspettiamo riscontri dall’Amministrazione Capitolina, in primis dal Sindaco, - ricordano da via Gradoli - massimo responsabile in materia di igiene e salute pubblica".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz dei vigili nei tuguri di via Gradoli: "Su igiene e salute intervenga la Sindaca"

RomaToday è in caricamento