Cassia Cassia / Via Gradoli

Blindata via Gradoli, ma le favelas sono ancora lì

Contro il degrado é stato bloccato l'accesso alla strada montando un cancello. I cittadini: "Bisogna bonificare la zona e sgomberare le case non agibili"

gradoli-cancello
Foto di proprietà di www.VignaClaraBlog.it

"Basta degrado e sfruttamento. Fuori gli speculatori da via Gradoli": questo lo striscione di protesta durante il sit-in organizzato lunedì 19 luglio dai residenti della traversa della Cassia, balzata agli onori della cronaca dal sequestro Moro al caso Marrazzo. Via Gradoli è una strada abbandonata da decenni, denunciano i residenti, decisi a ripristinare la legalità nella loro via, ottenendo lo sgombero di tutte le case affittate senza i requisiti di abitabilità. "Parliamo di decine e decine di cantine e di box senza luce, senza finestre, privi delle condizioni minime di igiene e di vivibilità dove, solo nei mesi di novembre e dicembre 2009, si sono verificati ben due scoppi di bombole del gas.

"Abbiamo presentato esposti e denunce alle autorità in merito alle violazioni di norme urbanistiche, edilizie ed igienico-sanitarie presenti - dichiara Carlo Maria Mosco, del Comitato di via Gradoli - Dopo anni di omissioni e commistioni delle autorità e degli apparati dello Stato si sperava che, sull'onda del clamore mediatico della vicenda Marrazzo e in conseguenza delle ripetute ispezioni negli ultimi mesi da parte di forze dell'ordine e autorità varie, qualcosa si potesse risolvere. Invece, tanto clamore per nulla".

Contro il degrado e per chiudere l'accesso ai clienti dei trans, la strada privata è stata blindata, con un cancello montato all'ingresso, in funzione dai prossimi giorni, dalle ore 22 alle 7. A chiederlo, sin dallo scorso novembre, il Consorzio in cui sono riuniti i condomini di Via Gradoli.

Contrario a tale soluzione invece il Comitato di via Gradoli, "in quanto non risolve i problemi della strada". "Blindare la porta di casa mentre dentro ci sono topi e cimici non rende più salubre l'ambiente, afferma Carlo Maria Mosco. "L'apertura non avviene mediante il citofono di cui numerose abitazioni sono prive, è stato adottato un sistema che sfrutta le connessioni telefoniche", continua Mosco. "Chi trova il cancello chiuso deve digitare sul tastierino presente in prossimità, un codice numerico a tre cifre che fa partire una telefonata al destinatario il quale digita a sua volta un codice che determina l'apertura del cancello. Il fatto rilevante è che il destinatario può indicare non solo una terminazione fissa, ma anche una mobile! In sostanza se qualcuno mi chiama mentre io sono a Venezia, posso ugualmente digitare il codice e il cancello si apre!!", conclude.

Ciò che chiede il comitato è una bonifica della zona e un censimento di tutte le cantine, di proprietà di italiani ma trasformate in favelas, tugurio per immigrati e trans, sfruttati con canoni esosi. "Recentemente abbiamo rimosso un cartello che offriva l'affitto di un monolocale di 16 mq a 480 euro mensili, esclama Carlo Maria Mosco, Le somme richieste di questi seminterrati e cantine arrivano fino a 6 o 700 euro".

Nel palazzo in cui vive Natalie (legata allo scandalo dell'ex governatore del Lazio), su 102 appartamenti solo 20 sono abitati da italiani e i residenti stanno raccogliendo firme contro una situazione ingestibile, tra schiamazzi, serate con fiumi di birre nell'androne e barbecue improvvisati nel cortile condominiale. Il comitato di via Gradoli chiede una road-map delle ispezioni effettuate dalle autorità sugli scantinati inagibili, esigendo la massima trasparenza su quegli stessi edifici più volte evidenziati dalle cronache giudiziarie relative alla 'vicenda Moro' e allo scandalo dei fondi neri del Sisde".

Nota della redazione: le dichiarazioni presenti in questo articolo e alcuni passaggi dello stesso sono tratti da VignaClaraBlog.it, il primo quotidiano on line di RomaNord

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blindata via Gradoli, ma le favelas sono ancora lì

RomaToday è in caricamento