rotate-mobile
Cassia Cassia / Via Cassia, 472

Tomba di Nerone, colata di cemento sul sottopasso degli "orrori"

Il passaggio pedonale sulla Cassia è stato tombato, negli ultimi anni era divenuto un vero e proprio tunnel del degrado: ricovero per indigenti, discarica e latrina

Cumuli di rifiuti mai rimossi negli anni tanto da non vedere più il pavimento, giacigli sparsi e indigenti ad aver trovato in quel sottopasso sulla Cassia - proprio davanti allo Stendhal di Tomba di Nerone - un posto sicuro, ma degradato e maleodorante, da trasformare in casa.

Un sottopassaggio da anni ormai off limits per tutti: nessuno infatti ha potuto di recente trovare il coraggio di scendere in quel tunnel sotto al livello della strada divenuto oltre che una discarica anche una latrina con il cattivo odore percepito addirittura pure in superficie.

Ieri a Tomba di Nerone l'intervento: nessuna riqualificazione per il passaggio pedonale ma una colata di cemento per chiuderlo. Questa volta per sempre. 

“Finalmente si dà attuazione ad una vecchia risoluzione, con la quale chiedevamo la messa in sicurezza del sottopasso di via Cassia, altezza Tomba di Nerone. Si tratta di un intervento su un'area che più volte, come Fratelli d'Italia, avevamo sollecitato, esprimiamo quindi soddisfazione che il sottopasso non sarà più oggetto di insediamenti abusivi e di degrado” - ha commentato a margine dell'operazione Giuseppe Calendino capogruppo di Fdi-An nel Municipio XV.
 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tomba di Nerone, colata di cemento sul sottopasso degli "orrori"

RomaToday è in caricamento