rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cassia Cassia / Via Cassia, 472

Il Teatro Patologico in scena in Sudafrica, Raggi: “E’ vera esperienza di inclusione”

Gli attori della compagnia che arruola ragazzi disabili psichici saranno impegnati con Medea a Johannesburg, la Sindaca: “Progetto che arricchisce tutti noi”

Gli attori del Teatro Patologico chiudono le valigie e volano a Johannesburg, in Sudafrica. I ragazzi di Dario D’Ambrosi, fondatore dell’associazione che porta in scena giovani affetti da disabilità psichica, reciteranno sul palco del Market Theatre, prestigiosa istituzione culturale. 

Il Teatro Patologico in scena in Sudafrica

A Johannesburg gli attori del Teatro Patologico reciteranno in un adattamento di Medea, la tragedia di Euripide

Un riconoscimento internazionale importante per il progetto che, nato nel 1992, da dieci anni ha il suo teatro stabile in via Cassia dove c’è anche la prima scuola europea di formazione teatrale per ragazzi disabili psichici.

Teatro Patologico, il "pronto soccorso della cultura" in cerca di più spazi

Il successo della compagnia in Italia e nel mondo

Tuttavia quello in Sudafrica per la compagnia teatrale di D’Ambrosi non è di certo un debutto in campo internazionale: Parigi, Barcellona, Amsterdam, Praga, Madrid, Monaco, Londra, e soprattutto Stati Uniti  i palchi sui quali il Teatro Patologico ha presentato i propri lavori. Manca solo l’Australia per terminare il giro di tutti i continenti.

“Una compagnia unica al mondo, che sta riscuotendo il successo che merita, in Italia e all’estero” – ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha incontrato i ragazzi del Teatro Patologico in Campidoglio. 

La Sindaca Raggi: “Progetto che arricchisce tutti noi”

"La disabilità è una questione di come concepiamo la realtà. In realtà ciascuno di noi ha delle abilità e delle disabilità. Il nostro mondo è fatto di persone diverse e noi dobbiamo renderlo accessibile a tutti. Partecipare alle iniziative del Teatro patologico è qualcosa che arricchisce tutti noi. Ne abbiamo bisogno per una prospettiva diversa, nuova, sul mondo della disabilità, sulle enormi potenzialità che possono essere espresse in ogni campo della società: nel lavoro, nella politica, nell’associazionismo, e appunto – ha aggiunto Raggi - nell’arte e nella cultura”. 

"Questa esperienza in Africa è importante perché presenterà  il nostro lavoro in un nuovo continente, ma soprattutto perché così lavoreremo in un progetto teatrale anche con ragazzi africani diversamente abili" - ha raccontato D'Ambrosi

Nella sala del Campidoglio  anche alcuni volti noti del cinema e del teatro italiano come Claudia Gerini e Sebastiano Somma, che da anni collaborano con l'associazione.

"L'emozione e il grande nutrimento artistico che viene da questi ragazzi - ha spiegato Claudia Gerini - è davvero formativo, soprattutto per un attore che lavora con le emozioni". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Teatro Patologico in scena in Sudafrica, Raggi: “E’ vera esperienza di inclusione”

RomaToday è in caricamento