Cassia Cassia / Via San Godenzo, 200

Le plance elettorali invadono la Cassia: il marciapiede appena rifatto diventa "groviera"

Tra San Godenzo e San Pietro pedoni costretti dietro alle lamiere

foto Facebook: Alessandra L. Sei della Cassia se....

Poco più di un mese alle elezioni e città invasa dalle plance elettorali: in vista del rush finale della campagna elettorale i supporti metallici, spesso vecchi, logori e arrugginiti, prendono il sopravvento su aiuole, lati della strada e marciapiedi. 

Una vera e propria piaga: scorci cittadini rovinati, prati bucati così come passaggi pedonali e buone porzioni di asfalto.

Le plance elettorali invadono la Cassia

Caso lampante quello delle plance elettorali installate lungo la Cassia, tra San Godenzo e San Pietro. Nei giorni scorsi la ditta preposta ha provveduto a montare i supporti per i manifesti elettorali sul marciapiede che costeggia la trafficata arteria di Roma Nord: quello appena rifatto, nuovo di zecca. 

Arrivano le plance: il marciapiede diventa groviera

A far notare le plance "buca tutto" tanti residenti della zona che, foto alla mano, hanno denunciato la situazione sui social e al Municipio XV sottolineando come l'installazione dei supporti per i manifesti elettorali abbia danneggiato il passaggio pedonale, rendendolo una "groviera". 

"Questo marciapiede della Cassia è stato rifatto egregiamente e sorprendentemente tre mesi fa. Una boccata d’aria di civiltà e di pulizia per chi voleva camminare fino al San Pietro partendo da via San Godenzo ed oltre. Sono furiosa" - scrive Alessandra, incassando il plauso degli altri abitanti della Cassia, che proprio non ci stanno a vedere quel marciapiede ridotto così. 

Pedoni e disabili costretti tra muro e lamiere

Un corridoio di lamiere arrugginite nel quale tutti i pedoni, compresi disabili, mamme e nonni con bambini nel passeggino, sono costretti a passare dietro la barriera metallica: stretti tra i pali e il muro. Schivando pure i supporti dei grandi cartelloni pubblicitari.

Uno scempio, con pure detriti di ferro e legnetti lasciati in terra. Le maggiori preoccupazioni però sono rivolte alla fase di smontaggio e al destino di quel marciapiede dopo il 4 marzo. Ripristino completo dell'opera, senza buchi o pali metallici sui quali inciampare: il perentorio appello del quartiere che chiede a via Flaminia, con il danno già fatto, di monitorare, una volta finito il tempo dell'installazione, il ritorno alla piena fruibilità del percorso pedonale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le plance elettorali invadono la Cassia: il marciapiede appena rifatto diventa "groviera"

RomaToday è in caricamento