rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cassia Via Cassia, 1134

Incendio a via Cassia 1134: nessun ferito nel palazzo che era occupato

Nello stabile de La Giustiniana rogo circoscritto al terzo piano: "Edificio vuoto e sorvegliato da guardiano. Inopportune notizie false"

Venerdì sera la notizia di un’esplosione e di feriti all’interno del palazzo di via Cassia 1134, quello fino a qualche giorno fa occupato da nomadi e indigenti poi sgomberati dalle forze dell’ordine, con lo stabile – dopo anni passati alla mercé di tutti – finalmente sorvegliato da un guardiano con tanto di cani.

Una tragedia quasi sfiorata che però, fortunatamente, sembra non essere mai avvenuta: i residenti di fronte hanno sentito un boato, ma nessuna esplosione si sarebbe verificata nell’edificio. Polizia e Vigili del Fuoco presenti sul posto hanno infatti parlato solo di incendio circoscritto al terzo piano, inesistenti pure i feriti. Il palazzo al momento risulta sgombro ma l’impressione è che forse qualcuno dentro ci fosse.

“Sembra quanto meno inopportuno che si mettano in giro false notizie parlando addirittura di 5 feriti, quando anche le autorità competenti hanno assicurato che lo stabile fosse vuoto. Una struttura sgomberata nelle scorse settimane anche a seguito delle preoccupazioni espresse dal Municipio” – ha detto il Presidente del XV, Daniele Torquati, ricordando pure come il palazzo adesso sia sorvegliato così come da decisione dei proprietari.

Già perché quell’enorme edificio un tempo pensionato per ex dipendenti di Ferrovie dello Stato, dopo essere passato di proprietario in proprietario, sembra averne trovato uno che sul suo futuro avrebbe le idee chiare: abbattimento di quel casermone logoro e fatiscente – si mormora a La Giustiniana - per costruire sul terreno palazzine residenziali.

I segni delle fiamme sono tutt’ora ben stampati sulla facciata e nel quartiere, che dopo lo sgombero e la guardiania aveva tirato un piccolo sospiro di sollievo, adesso si domanda se per uno stabile così grande un vigilantes posto all’ingresso principale possa davvero bastare per scongiurare occupazioni minori, magari lampo ed effettuate nel cuore della notte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a via Cassia 1134: nessun ferito nel palazzo che era occupato

RomaToday è in caricamento