rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cassia Cassia / Via Santa Giovanna Elisabetta, 69

Cala il sipario sul Teatro Cassia: dopo dieci anni addio al celebre palco di Roma Nord

La chiusura per "scelta della proprietà": così il XV perde un'altra delle sue eccellenze culturali

Cala il sipario sul Teatro Cassia: il celebre palcoscenico di Roma Nord che aveva aperto i battenti all'inizio del 2009. Tanti gli spettacoli andati in scena sul palco del Teatro Cassia che nel suo decennio di attività ha portato in zona arte e cultura: commedie, gag esilaranti, danza e spettacoli per bambini. 

Chiude il Teatro Cassia

Un polo culturale in un'area da quel punto di vista ormai depressa: chiuso, per effetto della delibera 140, lo Stabile del Giallo che, a data ancora da definire, dovrebbe trasferirsi nello storico Cinema Ciak, anch'esso chiuso da anni, e ora in fase di trasformazione in teatro.

A mantenere alto il vessillo dell'arte teatrale solo il Teatro Patologico: la storica scuola di formazione teatrale per ragazzi disabili psichici che pure è in cerca di spazi più idonei al progetto. 

Roma Nord perde luogo di arricchimento culturale

A decretare la chiusura del Teatro Cassia una decisione della proprietà. Così Roma Nord saluta un'altra delle sue eccellenze.

"Accolgo con grande dispiacere la notizia della chiusura del Teatro Cassia. Non è mai una bella notizia sapere che un teatro chiude e non é mai una buona notizia per un territorio esteso come il nostro che della cultura ha gran bisogno. Dispiace per tanti servizi di contaminazione culturale offerti e per la fattiva collaborazione costruita in questi anni con la sua instancabile Direttrice. Oggi in Municipio XV cala un triste sipario su un luogo dove in tanti ci siamo incontrati. Un luogo che ci ha arricchito come persone e come cittadini" - ha scritto in una nota Daniele Torquati, capogruppo Pd in Municipio XV. 

Il Teatro Cassia alla ricerca di una nuova casa

Una nuova casa per il Teatro Cassia, con lo zampino del Quindicesimo o del Comune, speranza e ipotesi.

"Dopo la chiusura del Teatro Stabile del Giallo per manifesta incapacità dell'Amministrazione pubblica, spero nella sensibilità del Municipio XV e di Roma Capitale perché si trovino presto delle alternative a queste brillanti esperienze culturali. La cultura è pane per chi la fa e anche per chi la riceve. Non si affami il nostro territorio, ma anzi - ha concluso Torquati - si incontrino queste realtà e si studi un'alternativa. Noi in questo saremo solidali". 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cala il sipario sul Teatro Cassia: dopo dieci anni addio al celebre palco di Roma Nord

RomaToday è in caricamento