rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cassia Cassia / Via San Godenzo, 200

Sulla Cassia paura per furti e aggressioni: la "ronda di quartiere" è su WhatsApp

Da Grottarossa l'idea di monitorare movimenti sospetti, furti e tentati tali attraverso il tam tam di informazioni via smartphone: "Lo scopo è tutelarci, difendere il nostro quartiere e le nostre famiglie"

Dalle isole del comprensorio dell'Olgiata, attraversate da una vera e propria ondata di rapine e furti, agli appartamenti di Vigna Clara svaligiati nella notte di Capodanno, senza dimenticare le razzie in quel di Labaro e Prima Porta e soprattutto la Cassia scossa da quelle incursioni, "da parte di incappucciati armati di bastoni e spranghe" in azione sempre intorno alle 18, che hanno indotto i residenti a scendere in strada e manifestare per chiedere più controllo del territorio.

A Roma Nord è allarme sicurezza e ognuno tenta di difendersi come può. Grate e sistemi di allarme spesso non bastano, così come le forze di polizia, e così sulla Cassia ci si affida, nel vero senso della frase, al vicinato. 

Nei giorni scorsi, dopo gli ennesimi episodi criminosi, alcuni residenti di Grottarossa hanno dato vita alla "ronda di quartiere": per adesso nessun presidio di perlustrazione in strada ma un gruppo WhatsApp per avvisarsi l'un l'altro circa movimenti sospetti, furti o tentati tali. 

"Questo gruppo è nato per tutelarci. Lo scopo é avvisarci l'un con l'altro e avvisare le autorità. Vogliamo far sentire la nostra presenza ma soprattutto difendere le nostre famiglie, il nostro quartiere e  la nostra infanzia" - ha spiegato a RomaToday Cinzia, una delle promotrici della ronda di quartiere su WhtsApp sottolineando come nessuno, per non mettere in pericolo la propria incolumità, debba mai agire da solo. 

Già decine le adesioni al gruppo con i residenti della Cassia - Grottarossa, Tomba di Nerone e San Godenzo tra tutti - a chiedere non solo di poter dormire sonni tranquilli ma di poter rientrare nelle proprie case dal lavoro senza il rischio, li ormai più che concreto, di trovarvi bande armate e malintenzionati dentro a fare di oggetti preziosi e ricordi bottino. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla Cassia paura per furti e aggressioni: la "ronda di quartiere" è su WhatsApp

RomaToday è in caricamento