Martedì, 16 Luglio 2024
RomaNord Labaro / Via Baccano

A Roma per fuggire dalla guerra: così la scuola di Labaro ha accolto la piccola alunna ucraina

La bambina è arrivata in città con la madre: nel giorno del suo compleanno festicciola e doni dalle famiglie del quartiere

Dall’Ucraina a Roma nord dopo aver visto la sua città cadere sotto le bombe, i palazzi e le strade martoriate da un conflitto sempre più aspro. E’ stato un lungo viaggio quello di Dana (nome di fantasia ndr.) e sua madre verso Roma per raggiungere la nonna che vive in città da tempo e sfuggire così alla brutalità e alla sofferenza della guerra. Il padre è rimasto li con la speranza di riabbracciare presto moglie e la sua bambina. 

Dall’Ucraina a Roma per sfuggire alla guerra

Per la piccola un tetto sicuro e una nuova scuola, a Labaro. E’ stata calorosa l’accoglienza che l’Istituto Comprensivo di via Baccano ha riservato alla bimba fuggita dalla guerra in Ucraina. Arrivata a Roma nel giorno del suo compleanno le famiglie della periferia di Roma nord le hanno fatto trovare doni e una piccola festicciola. Ieri il primo giorno di scuola con l’intera classe ad accogliere Dana con un abbraccio caloroso. 

“È stata un’emozione indescrivibile, per un dramma che deve riguardare tutti da vicino, perché ognuno possa fare la sua parte” - ha commentato l’assessora alla Scuola del Municipio XV, Tatiana Marchisio. Un’accoglienza resa possibile grazie alla disponibilità della dirigenza e del corpo docenti dell’istituto comprensivo, “ma ringraziamento più grande però va ai bimbi, che l’hanno fatta sentire subito a casa e anzi hanno chiesto se per l’occasione si poteva allungare la ricreazione”.

Nelle scuole di Roma nord arrivano i bambini ucraini

In questi giorni è grande il lavoro degli uffici impegnati in numerose pratiche per l’inserimento dei bambini ucraini nelle scuole del territorio. “Tra questa settimana e la prossima - ha detto a RomaToday Marchisio - dalle scuole dell’infanzia alle medie ne arriveranno almeno un’altra decina e saranno accolti in tutti i quartieri del territorio”. Oggi il debutto in classe anche per un bambino che ha trovato posto nella materna della Ferrante Aporti al Fleming. 

“In Municipio XV c’è una catena di solidarietà pazzesca, tutti stiamo lavorando nella stessa direzione per accogliere e aiutare chi fugge dalla guerra: famiglie, scuole e uffici. Qualcosa di meraviglioso. La nostra comunità - ha sottolineato Marchisio - è anche e soprattutto questo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Roma per fuggire dalla guerra: così la scuola di Labaro ha accolto la piccola alunna ucraina
RomaToday è in caricamento