RomaNordToday

Arsenico nell'acqua: Campidoglio rinnova il divieto per 'Casaccia-Santa Brigida' e 'Brandosa'

Un caso esploso a fine febbraio e che per settimane è stato oggetto di pesanti polemiche. Oggi, a distanza di 10 mesi, l'ordinanza che vietava l'uso dell'acqua in alcuni acquedotto di Roma Nord, viene parzialmente ritirata. Il documento sarebbe scaduto il 31 dicembre. Il sindaco oggi l'ha rinnovata.

L'ordinanza, lo ricordiamo, vietava l’utilizzo per il consumo umano degli acquedotti  Arsial, “Camuccini”, “Casaccia – Santa Brigida”, “Brandosa e Malborghetto.

Il  Campidoglio fa sapere oggi che "con la nuova ordinanza del 19 dicembre si rende noto che il divieto di utilizzo dell’acqua ad uso umano solo ed esclusivamente dell’acquedotto “Camuccini” è revocato. E’ stato invece prorogato il divieto di utilizzo, anche per le attività produttive e fino al 31 marzo 2015, per gli acquedotti di “Casaccia – Santa Brigida” e “Brandosa”. Per quanto riguarda infine l’acquedotto “Malborghetto” il divieto di utilizzo resterà in vigore almeno fino al 31 dicembre 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento