rotate-mobile
Domenica, 3 Dicembre 2023
Trionfale Trionfale / Via Trionfale, 45

Mercato dei fiori: a due settimane dal crollo regna l'incertezza sui tempi del trasferimento

Lucarelli esclude la pista che porta al Car di Guidonia: "Prima del 2024 non è possibile"

Sono trascorse due settimane dal crollo che ha costretto gli operatori ad abbandonare il Mercato dei fiori. Da allora grossisti e produttori, hanno spostato la loro attività in via Giovanni Bovio, una delle strade che fiancheggia l’edificio ormai inagibile. Sono lì in attesa di un trasferimento di cui si parla da oltre quindici anni.

Al lavoro sotto i palazzi di via Bovio

Ora però, la ricerca di un’altra sede dove garantire la prosecuzione dell’attività lavorativa, è diventata febbrile. “Stiamo lavorando venti ore al giorno su questo tema” ha premesso l’assessora capitolina alle attività produttive, nella commissione convocata da Andrea Alemanni sul mercato dei fiori. Ma questo spostamento non è semplice. 

“Il primo impegno dell’amministrazione – ha chiarito Lucarelli – è stato garantire la continuità lavorativa” per le trecento persone che gravitano oggi attorno all’edificio di via Trionfale. Cosa che ha comportato però, un aggravio della già complicata convivenza con i residenti. Costretti ora a subire, oltre alle consuete operazioni di carico e scarico, anche quelle di vendita. Si svolgono in piena notte davanti ai palazzi. Motivo per cui, quella individuata, rappresenta una “soluzione super temporanea che deve chiudersi nel più breve tempo possibile” è stato ribadito durante la commissione.

La strada che porta alla nuova Fiera di Roma

Dove andranno le 109 attività che operano nel mercato dei fiori. Non al Car di Guidonia, che era l’ipotesi caldeggiata dal presidente della commissione commercio. L’assessora Lucarelli ha spiegato che “prima del 2024 non sarebbe possibile effettuare uno spostamento lì” e comunque “per la metà delle attività operanti al mercato dei fiori, non sembra neppure auspicabile come eventualità”. Cosa resta? Il dipartimento patrimonio non ha indicato una sede, attualmente disponibile, in grado di garantire spazi analoghi a quelli dell’attuale mercato dei fiori. 

Serve un parcheggio esterno, un luogo dove movimentare le merci, una superficie di almeno 7mila metri quadrati. L’unica soluzione percorribile, al momento, resta quella della nuova Fiera di Roma. I sopralluoghi sono stati fatti, anche per verificare l’adeguatezza degli impianti idraulici ed elettrici. Dopodiché, è stato chiarito, “servirà un parere preventivo dei vigili del fuoco”. Da un punto di vista amministrativo, invece, poiché è “impossibile ricorrere ad un affidamento diretto” ha ricordato Lucarelli, è stato necessario percorrere la strada della manifestazione d’interesse. E’ stata pubblicata oggi e ci sono sette giorni di tempo per raccogliere eventuali proposte alternative da parte di soggetti interessati ad accogliere il futuro mercato dei fiori. 

Al lavoro per una soluzione definitiva

Nel frattempo il Campidoglio, per non lasciare niente d’intentato, sta sondando anche la disponibilità di eventuali caserme vuote.  “Stiamo lavorando per arrivare ad una risposta che sia ufficiale, veloce e da un punto di vista amministrativo corretta – ha concluso Lucarelli – perché non si vuole trovare un’altra ubicazione temporanea e sgradita che duri altri 50 anni”.

“Continuo a ritenere impensabile che un mercato all’ingrosso non stia dentro un mercato all’ingrosso – ha invece sintetizzato Andrea Alemanni, a margine della commissione commercio  dedicata al tema - La struttura del CAR di Guidonia è l’unica che può garantire uno sviluppo economico reale al Mercato dei fiori. Se vogliamo fare il bene dell’amministrazione che eroga questo servizio, che lo ricordo è pubblico, dobbiamo puntare a trasferire definitivamente il mercato dei fiori al CAR”. Una soluzione che però, per tutto il 2023,  l’assessora di Gualtieri ha escluso si possa percorrere. Nel frattempo gli operatori continuano a lavorare per strada. In via Giovanni Bovio, sotto i palazzi.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato dei fiori: a due settimane dal crollo regna l'incertezza sui tempi del trasferimento

RomaToday è in caricamento