rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Prati Della Vittoria / Via Gomenizza

Arrivano le barriere anti cinghiali nel casale che il municipio vuole trasformare nella "casa dei cittadini"

Partiti i lavori per sistemare e mettere in sicurezza il giardino che perimetra l'ambito casale

Sfalcio del verde e manutenzione degli alberi nel giardino che circonda il casale di via Gomenizza. Alla pendici della riserva naturale di Monte Mario, sono i corso lavori per mettere in sicurezza il giardino di una struttura molto ambita.

I lavori avviati nel giardino

“Mentre aspettiamo i lavori del casale, facciamo lo sfalcio delle aree verdi e progettiamo anche qui una barriera anti cinghiali in modo che questo bene possa essere messo a disposizione della cittadinanza” ha commentato l'assessora capitolina all'ambiente Sabrina Alfonsi che, nella giornata del 7 gennaio, ha eseguito un sopralluogo in via Gomenizza.

Il futuro del casale

Sul posto anche il consigliere della lista Gualtieri Renato Sartini.  Con i “lavori di pulizia del giardino diventato foresta” ha spiegato il consigliere, “si avvicina il tempo della casa della cittadinanza attiva”. E’ questa la richiesta che ha avanzato il municipio I sin dallo scorso aprile. Prevede che ad utilizzare il casale, dopo un passaggio di consegne con l’ente di prossimità, siano i comitati e le associazioni territoriali. Un obiettivo che riguarda almeno “il primo piano dell’edificio” ha ricordato Sartini, in prima linea a sostegno della proposta fatta dal municipio.

Da anni inutilizzato

Il casale, nel 2018, è stato ad un passo dall’essere trasformato dal comune nella “Casa delle arti”, uno spazio destinato alle persone con autismo. Quel progetto, presentato da un gruppo di famiglie, aveva vinto anche un bando della commissione parlamentare per le Pari opportunità ma non è andato in porto. Sull’immobile, la cui guardiania è esercitata da Roma Natura che proprio nella riserva di Monte Mario ha il proprio quartier generale, si è registrato anche l’interessamento dell’ente regionale. 

I lavori al casale e le recinzioni anti cinghiale

In attesa che venga definita la funzione dei due piani dell’immobile, l’amministrazione capitolina ha avviato i lavori sul giardino. Poi seguiranno quelli accennati da Alfonsi e relativi al casale, con “la revisione tecnica degli impianti elettrici e della caldaia” ha fatto sapere il consigliere Sartini. Contestualmente, in una delle zone dove la presenza di ungulati è più consistente, verrà sistemata la barriera anti cinghiale. “Verrà fatta una revisione delle reti perimetrali, con uno scavo di 40 centimetri, così da rendere sicuro il giardino” ha spiegato Sartini, a margine del sopralluogo. Una soluzione cruelty free, sul modello di quanto si sta sperimentando sulla Cristoforo Colombo, per impedire l’accesso degli animali e consentire la fruizione del verde da parte dei cittadini.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano le barriere anti cinghiali nel casale che il municipio vuole trasformare nella "casa dei cittadini"

RomaToday è in caricamento