rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Pigneto / Tor Pignattara / Via Augusto Dulceri

Voragine in via Dulceri, in corso le verifiche di Acea. Intanto scoppia il caso cassonetti

Cassonetti spostati in via Zenodossio, i residenti temono il caos rifiuti. Caliste: "Posizionati contenitori più piccoli che saranno svuotati tre volte al giorno"

Bisognerà attendere le verifiche di Acea e i relativi risultati per pianificare l’intervento di riparazione della voragine in via Dulceri, che si è aperta quasi due mesi fa, lo scorso 20 febbraio. A dare gli ultimi aggiornamenti è l’assessora ai Lavori pubblici del municipio V, Maura Lostia: “Sono in corso le verifiche da parte di Acea – spiega – per capire se gli allacci sono integri. Se sì, si potrà procedere alla riparazione della voragine e al ripristino del manto stradale, altrimenti andranno prima pianificati altri interventi”. Riguardo alle tempistiche, al momento, non c’è alcuna certezza. 

I cassonetti rimossi dalla via

Quella del 20 febbraio è l’ennesima voragine che si è aperta lungo via Dulceri, esasperando i residenti, che da tempo chiedono interventi strutturali per modificare la viabilità nella zona, istituendo un’isola ambientale (un’area dove la velocità massima è di 30 chilometri orari) nella zona intorno al parco Almagià e impedendo il passaggio dei mezzi pesanti. “Le vie del nostro quadrante si stanno sbriciolando sotto i colpi delle vibrazioni dovute al passaggio di camion, tir e autoarticolati” denunciano gli attivisti del comitato Torpigneto Almagià. Ad accendere ulteriormente le polemiche è stata la notizia dello spostamento dei cassonetti per la raccolta dei rifiuti da via Dulceri a via Zenodossio e il posizionamento temporaneo di bidoni più piccoli. A preoccupare i residenti, in modo particolare, è il rischio che i contenitori non riescano a contenere la quantità di rifiuti che viene gettata ogni giorno. “A causa della necessità di revisione della disciplina di traffico del quadrante di via Dulceri – spiega il minisindaco Mauro Caliste - a cui stanno lavorando la Direzione tecnica del municipio e la polizia locale, alcuni cassonetti stradali per la raccolta dei rifiuti sono stati rimossi e riposizionati da Ama nelle strade limitrofe. Nei punti dove erano le postazioni sono stati posizionati oltre trenta contenitori più piccoli che saranno svuotati tre volte al giorno. Prossimamente i cassonetti saranno nuovamente posizionati come da piano di collocamento”. A fornire un ulteriore chiarimento sullo spostamento temporaneo dei cassonetti è anche l’assessora Lostia: “La chiusura della strada a causa della voragine rendeva complesso il passaggio dei mezzi Ama e lo svuotamento dei cassonetti in via Dulceri – sottolinea – per questo i contenitori sono stati momentaneamente spostati”. 

Lavori partiti a Tor de’ Schiavi 

Intanto sono iniziati il 25 marzo, dopo oltre tre anni dal crollo, i lavori per la riparazione della voragine in via di Tor de’ Schiavi 261, avranno una durata di tre mesi. Lo scorso 4 aprile il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri e l’assessora ai Lavori pubblici, Ornella Segnalini, hanno effettuato un sopralluogo sul cantiere, accompagnati dal minisindaco Caliste, che ha sottolineato: “Siamo l’unico municipio di Roma che ha una mappatura di tutte le cavità del sottosuolo. A breve partiranno, dopo anni di attesa, anche i lavori per la riparazione della voragine in via Buie d’Istria, a Villa Gordiani”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voragine in via Dulceri, in corso le verifiche di Acea. Intanto scoppia il caso cassonetti

RomaToday è in caricamento