menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tor Pignattara: sequestrati alimenti con parassiti ed urine di topi

Il sequestro è avvenuto in un capannone di Tor Pignattara. Denunciato un cittadino bengalese titolare della struttura. Codici (Centro per i diritti del cittadino): “Siano resi noti i nomi dei ristoranti che si rifornivano dal grossista bengalese”

Parassiti e urine di topi in mezzo a riso, farina, biscotti e couscous. E' la sconvolgente scoperta fatta dai carabinieri del Nas di Roma che hanno trovato in queste condizioni circa 30mila chili di alimenti di origine etnica sequestrati all'alba in un capannone nella zona di Tor Pignattara.

I carabinieri del Nucleo Anti sofisticazione hanno denunciato un cittadino bengalese titolare del capannone, dove gli alimenti erano conservati in pessime condizioni igienico-sanitarie, l'intera struttura è stata posto sotto sequestro anche perché all'interno i militari del Nas hanno trovato ovunque, sia in terra, sia alle pareti, muffa, sporcizia e residui di feci di topi.

Secondo i Nas, che periodicamente svolgono controlli nell'ambito delle frodi o delle sofisticazioni alimentari, i prodotti sequestrati erano diretti al mercato delle rivendite etniche della Capitale.

Il Centro per i diritti del cittadino (Codici) chiede che vengano resi noti i nomi dei ristoranti di Roma "che si rifornivano dal grossista bengalese e che siano incrementati i controlli estesi sul territorio regionale". Il responsabile del settore alimentare e sicurezza prodotti del Codici, Valentina Coppola aggiunge: “Non è il primo caso che accade nel Lazio: circa un anno fa sempre nel Lazio sono state sequestrate scatolette, succhi di frutta, dolciumi, farine e marmellate provenienti dal Libano per lo stesso motivo: cibo contaminato e adulterato da escrementi di topo, destinato al commercio. Nel 2008 ci sono stati molti casi simili in Italia".

Secondo Coppola, "il cibo sequestrato rappresentava un reale pericolo per la salute dei frequentatori di ristoranti etnici soprattutto per la presenza di urina di topo che può provocare leptospirosi. Codici chiede che siano resi noti i nomi dei ristoranti della Capitale che si rifornivano dal grossista bengalese e che siano incrementati i controlli estesi sul territorio regionale".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento