Torpignattara

Duplice omicidio a Torpignattara, residenti in sit in: “No alla violenza”

“Fuori la violenza dal quartiere": questo lo striscione esposto da alcuni ragazzi in via Giovannoli dove è in corso un presidio nella strada in cui si è verificato il duplice omicidio

L'associazione culturale "Zona Rebelde" ha organizzato un sit-in in via Giovannoli dove ieri notte sono stati uccisi Zhou Zheng e la sua piccola di pochi mesi per protestare contro la violenza.
Nella via della tragedia alcuni ragazzi hanno esposto uno striscione con la scritta “Fuori la violenza dal quartiere”.

"Questo presidio è per sottolineare al Comune di Roma che non è questo il quartiere che vogliamo - spiega Giulia Loche, una giovanissima rappresentante di zona Rebelde -. Tor Pignattara è un quartiere abbandonato. Le librerie sono tutte chiuse, mentre aprono solo slot machine e sale giochi". "Non c'è integrazione - le fa eco un altro abitante della zona che sta partecipando al sit in -, noi siamo qui per prevenire che accadano nuovamente episodi di violenza come quello di ieri". Alla manifestazione hanno aderito diversi rappresentanti del centrosinistra, da Fds a Sel. "La città è in mano a bande criminali - afferma il coordinatore Sel area metropolitana Gianluca Peciola - la città è ormai spenta e sta pagando il prezzo della mancanza di politiche di coesione sociale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duplice omicidio a Torpignattara, residenti in sit in: “No alla violenza”

RomaToday è in caricamento