Torpignattara Torpignattara

Il mercatino sgomberato: municipio e vigili urbani rispondono alle accuse

Palmieri presidente del VI municipio: “L' autorizzazione era per 5 banchi. Ce n'erano di più, ma si poteva usare il buon senso”. Il Comandante del VI gruppo Stefano: “Abbiamo dimostrato comprensione. Legge alla mano, i banchi in più andavano multati”

Lunedì 14 dicembre la nostra redazione ha pubblicato la lettera di un cittadino, Ettore Ranalletta, Presidente del Comitato di Quartiere Torpignattara, che raccontava di uno sgombero, effettuato dalla Polizia Municipale, di un mercatino organizzato da bambini, nel piazzale antistante la Parrochia di S. Barnaba, a via Antonio Tempesta.

In breve, nella lettera il Sign.Ranalletta spiegava che questo mercatino era stato organizzato da e per i  bambini della scuola elementare “Amore Misericordioso”. Un modo come un altro per esporre e vendere alcuni lavoretti fatti a mano dagli stessi, il cui ricavato sarebbe andato in beneficenza.

A metà mattinata però  qualcosa è andato storto. Sono infatti arrivate due pattuglie dei vigili urbani che, legge alla mano, hanno ordinato di sbaraccare il suddetto mercatino perché  non autorizzato. In particolare gli agenti se la sarebbero presa con alcuni banchi, tra cui il venditore di zucchero filato, intimandogli di chiudere l’attività. A creare maggiore sconforto, sempre secondo la versione di Ranalletta, sarebbe stato l’arrivo dell’Assessore al Commercio del VI Municipio, Piccardi, reo di aver sostenuto la versione dei vigili per quanto riguarda la mancata autorizzazione per la vendita di merce.

Fin qui i fatti contenuti nella lettera giunta in redazione. Abbiamo voluto approfondire quanto accaduto, intervistando sia il Presidente del VI Municipio Palmieri, che il Comandante dei Vigili Urbani del VI, Roberto Stefano, offrendo a loro una possibilità di chiarimento.

Secondo il Presidente Giammarco Palmieri, si è trattato di uno spiacevole episodio, causato da un eccesso di zelo nell’applicazione della legge da parte del corpo della Polizia Municipale.

Il mercatino dei bambini era stato fortemente voluto dal Municipio. Il Comitato di Quartiere Torpignattara aveva chiesto l’autorizzazione per 5 gazebo, ovviamente accordata, solo che - racconta Palmieri - quando i vigili sono andati ad effettuare il controllo di routine, ne hanno trovati di più, non autorizzati e li hanno fatti sgomberare. Se a livello amministrativo, i vigili hanno applicato correttamente la legge, forse - sottolinea Palmieri - sarebbe stato opportuno agire di buon senso, non trattandosi di vera attività di vendita. Il Municipio, dal canto suo, non centra nella decisione dello sgombero, effettuato su ordine e responsabilità dei vigili”.

E com’era prevedibile, i vigili non ci stanno a passare per mostri insensibili di fronte a un mercatino organizzato dai bambini. Il Comandante del VI gruppo, Roberto Stefano, difende a spada tratta l’operato dei suoi uomini, che hanno agito sulla base delle indicazioni contenute sull’autorizzazione rilasciata dal Municipio, che parlava chiaramente di soli 5 banchi.

I vigili che sono intervenuti, effettuando un semplice controllo di routine, hanno fatto il proprio lavoro, dimostrando anzi molta comprensione, perché se fosse stata applicata la legge alla lettera, i banchi in più – risponde alle accuse il Com. Stefano – non dovevano essere solo sgomberati, ma multati con un verbale perché non autorizzati e dediti alla vendita di merce. Quindi vorrei sconfessare chi ci accusa di essere rigidi. Siamo stati in realtà comprensivi, perché la legge è molto più severa di come poi viene interpretata nei singoli casi, dove a prevalere è sempre il buon senso”.

© Riproduzione riservata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mercatino sgomberato: municipio e vigili urbani rispondono alle accuse

RomaToday è in caricamento