menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti nelle scuole di Tor Pignattara, Fdi punta il dito contro il V municipio: "Non hanno fatto nulla"

La polemica politica arriva da un gruppo di esponenti di Fdi: "Le scuole pubbliche prese di mira da bande di malviventi"

Puntano il dito contro gli amministratori grillini consiglieri capitolini ed esponenti di Fratelli d'Italia del V municipio. Al centro della polemica politica i numerosi furti che hanno colpito le scuole di Tor Pignattara nell'ultimo mese e gli episodi di scippi e rapine denunciati recentemente dai residenti della zona del Pigneto, finiti anche in una petizione online volta a chiedere maggiore sicurezza.

"Sono stati tre gli episodi ravvicinati, come ravvicinati sono gli istituti scolastici che hanno subito danni e furti in questi giorni. Le scuole pubbliche prese di mira da bande di malviventi sono state la 'Grazia Deledda' di Via Filarete, la 'Lodovico Pavoni' di via Laparelli e per ultima la Scuola 'Carlo Pisacane' di via dell'Acqua Bullicante", scrivono in una nota Rachele Mussolini consigliere di Roma Capitale, Federico Rocca responsabile regionale Dipartimento sicurezza di Fratelli d'Italia, Enzo Blasi e Monica Pietropaolo esponenti di FDI del Municipio V. 

Come ricordano gli esponenti di Fdi, anche i genitori intervistati davanti alla Pisacane nel corso di un'intervista video realizzata da Romatoday lunedì mattina, all'indomani del terzo furto in due settimane, "hanno denunciato chiaramente l'abbandono da parte delle istituzioni locali. In Municipio V la Giunta grillina ha fatto poco o nulla sul versante della sicurezza, equivalendosi con la precedente giunta di centrosinistra che per decenni ha governato questo territorio.

Hanno dimostrato di essere amministratori improvvisati e incompetenti e soprattutto incapaci di avviare una collaborazione con le forze di polizia e le altre istituzioni". Si chiedono gli esponenti Fdi: "Ci piacerebbe sapere se il Municipio V ha partecipato alla richiesta dei fondi destinati ad installare sistemi di videosorveglianza. Ci troviamo d'avanti ad un allarme sociale che terrorizza i cittadini e non vediamo da parte dell'amministrazione nessuna misura preventiva per contrastare il fenomeno. Furti, scippi, rapine ed aggressioni, tutti gli episodi denunciati negli ultimi mesi, le persone hanno paura ad uscire da casa. Serve un impegno di tutti affinché venga ripristinata la legalità e la sicurezza in questi quartieri. La politica non può e non deve abbassare la guardia, tanto meno può rimanere alla finestra davanti a questa situazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento