PignetoToday

Tor Pignattara, ex sala consiliare chiusa fino a regolamento. Boccuzzi ci ripensa

La decisione era stata assunta dopo lo sgombero di lunedì. Il minisindaco: "La gestirà la presidenza"

L'ex sala consiliare di via di Acqua Bullicante

Sala chiusa fino ad approvazione del regolamento. Anzi no. La decisione assunta il 7 ottobre scorso dal V municipio di non concedere più l’ex sala consiliare di via di Acqua Bullicante ai cittadini fino alla definizione delle modalità di indirizzo è stata annullata circa 48 ore dopo. “Per approvare il regolamento servirà un lasso di tempo non indifferente e siccome l’aula è rimasta chiusa per tanto tempo prima di essere ristrutturata e riaperta ho creduto sia opportuno continuare a concederla ai cittadini”, spiega il presidente del municipio Giovanni Boccuzzi. “L’evento che ne ha causato la chiusura non ha arrecato alcun danno così abbiamo deciso di revocare quella decisione. Ai cittadini, però, chiederemo di specificare meglio le intenzioni in merito ad un suo utilizzo”. 

La sala è stata chiusa lunedì scorso dopo che la comunità induista del quartiere è stata allontanata. Come raccontato lunedì da Romatoday, a richiedere l’intervento della polizia locale sulla base di una sospetta occupazione abusiva sono stati gli uffici municipali. Secondo quanto apprende Romatoday, nel corso del blitz i vigili non hanno riscontrato alcuna infrazione alla normativa in materia di sicurezza ma hanno fatto comunque uscire le persone in via precauzionale in vista di accertamenti alle autorizzazioni. Ai presenti era stato dato infatti il via libera all’uso della sala ma i vigili hanno preferito che venisse verificato insieme al municipio. Nonostante fosse l’ultimo, importante, giorno di preghiera per le celebrazioni del Durga Puja la comunità induista non è potuta rientrare nella sala. Le motivazioni addotte dal municipio si riferiscono a somministrazione di cibo, raccolta di offerte, affissione di uno striscione all’esterno e la presenza di una bombola, la cui presenza è stata testimoniata da una consigliera municipale che è entrata la precedente domenica sera.

Poche ore dopo il vicepresidente del municipio Mario Podeschi ha firmato una direttiva: la sala "non potrà essere concessa in uso fino a redazione del Nuovo regolamento che individuerà i criteri generali e le modalità di utilizzo per la concessione". Ieri, però, il dietrofront del presidente Giovanni Boccuzzi: annullamento con effetto immediato. “Da oggi in poi sarà la presidenza a gestire le assegnazioni dell’aula consiliare che è a disposizione di tutti i cittadini che ne fanno richiesta tranne i fascisti. Intanto continueremo a lavorare al regolamento”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento