rotate-mobile
Torpignattara

Tor Pignattara, tre poliziotti in manette per concussione

Custodia cautelare per tre agenti del commissariato di Tor Pignattara. I tre sono stati accusati da un commerciante della zona a cui avrebbero chiesto dieci mila euro

Estorsione, concussione, falso e sequestro di persona. Le accuse sono a carico di tre operatori della Polizia in servizio al Commissariato di Tor Pignattara, accusati da un commerciante della zona a cui i tre avrebbero chiesto una tangente in cambio del loro silenzio. I fatti risalgono al Novembre scorso, quando i tre agenti avrebbero scoperto nell’abitazione del commerciante, già noto alle forze dell’ordine per spaccio, un quantitativo di cocaina. Stando a quanto afferma l’accusa, i tre avrebbero acconsentito a non arrestare l’uomo dietro pagamento di una tangente di diecimila euro.  

Circa due mesi dopo i poliziotti sarebbero tornati a bussare alla porta del commerciante per ricevere la ricompensa pattuita. Di fronte alla sua riluttanza i tre lo avrebbero ammanettato e portato in caserma, intimando all’uomo di fargli consegnare il denaro dal suo socio nell’attività,  pena l’arresto della moglie e del figlio. Le indagini, partite dalla denuncia delle vittime, sono state affidate dalla Procura della Repubblica di Roma alla Squadra Mobile che, sulla base delle informazioni acquisite da alcuni testimoni ed all’esito dell’attività tecnica esperita in merito, ha chiuso il cerchio investigativo che ha visto l’adozione da parte del Giudice per le indagini preliminari delle misure cautelari.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor Pignattara, tre poliziotti in manette per concussione

RomaToday è in caricamento