menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, nel V municipio al via screening in alcune classi di Salacone e Kant: "Lavoriamo per estenderlo a tutti"

Tra il 12 e il 15 marzo verranno effettuati tamponi salivari a oltre 200 studenti. L'assessora municipale alla Scuola, Mammarella: "Rispondiamo a una richiesta degli studenti"

Uno screening per individuare la presenza di contagio da Covid 19 nelle scuole medie e superiori del V municipio. L’iniziativa partirà domani presso l’istituto comprensivo Simonetta Salacone, dislocato in tre diverse sedi tra Centocelle e Tor Pignattara, e continuerà lunedì al liceo Kant di Tor Pignattara. Lo spiega a Romatoday l’assessora alla Scuola del V municipio, Maria Elena Mammarella, che ha lavorato allo screening insieme ai vertici del distretto sanitario della Asl Roma 2, in particolare il direttore del V distretto, Fabrizio Ciaralli, e le responsabili del distretto Salute Asl Roma 2, Giulia Cairella e Cristina Meleleo.

Si tratta di test salivari che, “seppur non diano risultati precisi come i tamponi molecolari, sono comunque utili a definire la situazione epidemiologica”, ha spiegato Mammarella. Sia nel corso della prima giornata, sia nel corso della seconda verranno coinvolti tra i 100 e i 150 studenti. “Iniziamo con le classi con gli studenti più anziani, poi, in base alla capacità di lavorazione dei laboratori Asl, ci organizzeremo per proseguire”. Non è ancora stato stabilito, quindi, l'intero cronoprogramma dell'operazione. Dallo screening verranno escluse le scuole elementari e materne “perché questo genere di test non è indicato per alunni di quell’età”.

La richiesta di uno screening per la popolazione studentesca, volta a garantire la didattica in presenza, era emersa nel corso della protesta che ha portato gli studenti di alcuni licei della Capitale, il Kant in primis, a occupare i propri istituti. Richiesta ribadita direttamente all’assessora Mammarella anche da uno studente nel corso di un incontro tra Mammarella e la Comunità educante della Libera assemblea di Centocelle che si è tenuto il 24 febbraio scorso in merito a diverse questioni. “Come istituzioni abbiamo lavorato duro per rispondere a questa richiesta arrivata dagli studenti”, il commento di Mammarella. “Il tempo trascorso è il tempo necessario a organizzare l’intervento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento