Prenestino Prenestino

Villa Gordiani non dimentica lo stupro, nuovo appuntamento al parco: "Torniamo a farci sentire"

L'appuntamento è per venerdì 16 aprile alle ore 17. E' stato organizzato da il Coordinamento delle assemblee dei consultori delle donne e libere soggettività del Lazio, il Comitato di lotta Villa Gordiani, Non una di meno di Roma, Asd Villa Gordiani e il collettivo studentesco del liceo Benedetto da Norcia. 

Foto Comitato di lotta Villa Gordiani

Il 6 marzo oltre 1500 persone si erano radunate a Villa Gordiani al grido: “Non sei sola, il quartiere è con te”. Venerdì prossimo, 14 aprile, alle ore 17, a oltre un mese dallo stupro di una giovane 22enne mentre faceva jogging nel parco, comitati di quartiere e realtà attive contro la violenza di genere si sono date nuovamente appuntamento.

“Sentiamo il bisogno di continuare a parlare della questione di genere”, hanno scritto gli organizzatori: il Coordinamento delle assemblee dei consultori delle donne e libere soggettività del Lazio, il Comitato di lotta Villa Gordiani, Non una di meno di Roma, Asd Villa Gordiani e il collettivo studentesco del liceo Benedetto da Norcia. 
“L’aggressione sessuale nel parco di Villa Gordiani se da un lato ha indignato, dall’altro ha mobilitato centinaia di persone mosse dalla necessità di ripensare la collettività, partendo dalle sue problematiche”, si legge ancora nella nota che dà l’appuntamento.

“Le ingiustizie a cui siamo sottoposti sono molteplici, l’elenco sarebbe lunghissimo: dalle disparità salariali, all’essere sempre le prime a perdere il posto di lavoro, al dover pagare privatamente visite o esami sanitari per effettuarli in tempi ragionevoli o fare i salti mortali per poter affrontare, tra le mille spese di casa, anche quelle dell’istruzione dei nostri figli o per garantirgli la possibilità di fare sport”.

Per le associazioni la massiccia presenza di forze dell’ordine seguita alla violenza non dà la “vera sicurezza”. Quella, aggiungono, “la facciamo noi, le persone che questo territorio lo vivono, continuando ad essere nelle strade, nel parco, negli spazi che attraversiamo. Noi non dimentichiamo e non facciamo nessun passo indietro, anzi torniamo con più forza a farci sentire. Ed è per questo che vogliamo organizzare una passeggiata per il Parco di Villa Gordiani, per ribadire che solo collettivamente possiamo cambiare le cose e far sì che nessuna sia più sfruttata, picchiata, stuprata”. 

Lo stupro è avvenuto il 5 marzo scorso ai danni di una ragazza di 22 anni, aggredita da un uomo mentre stava facendo jogging nell'area verde di via Prenestina. Erano da poco passate le 6 del mattino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Gordiani non dimentica lo stupro, nuovo appuntamento al parco: "Torniamo a farci sentire"

RomaToday è in caricamento